Cosa comporta il Coronavirus per il dropshipping?

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere prese come consigli esaustivi. Per informazioni dettagliate sul coronavirus di Wuhan ti preghiamo di contattare le organizzazioni competenti. Questo articolo sarà aggiornato non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

Con la continua diffusione in tutto il mondo del Coronavirus di Wuhan, il governo cinese sta prendendo precauzioni per tenere al sicuro le popolazioni locali e internazionali.

Finora queste precauzioni hanno compreso misure come l’isolamento delle città cinesi, la chiusura temporanea dei trasporti pubblici – compresi aeroporti, stazioni ferroviarie e trasporti a lunga distanza – la chiusura di parchi a tema, la chiusura di fabbriche e la limitazione degli spostamenti in alcune aree.

Grazie a questa rapida azione, ci auguriamo che la situazione si risolva rapidamente e senza ulteriori danni e pericoli per le persone che si trovano nelle aree colpite.

Tuttavia, date le restrizioni attualmente in vigore, le aziende di logistica stanno subendo interruzioni delle loro operazioni, il che significa che ci saranno ritardi nel trasporto di qualsiasi ordine proveniente Cina, anche da parte dei fornitori di dropshipping.

Se sei un dropshipper e vendi articoli da un fornitore AliExpress, i tuoi prodotti potrebbero impiegare più tempo per raggiungere i tuoi clienti.

Sono un dropshipper. Cosa dovrei fare?

Con molti impianti di produzione e logistica chiusi temporaneamente, ti consigliamo di prepararti per i ritardi e di tenerne conto prima di continuare a gestire annunci a pagamento e di prendere in carico nuovi ordini.

È una buona idea verificare la situazione con il tuo fornitore, ma ti invitiamo a prendere in considerazione che i tuoi articoli non saranno spediti prontamente. Vale anche la pena notare che con i festeggiamenti del Capodanno cinese attualmente in corso, molti fornitori e produttori saranno in ferie.

Tuttavia, le chiusure dovute al Coronavirus potrebbero comportare chiusure più lunghe del previsto.

Se hai ordini in corso che pensi non saranno evasi, ti raccomandiamo vivamente di contattare gli acquirenti e di informarli della situazione. Potrebbe essere necessario prepararli a eventuali ritardi.

Per informazioni su come gestire i rimborsi o i reclami dei clienti, abbiamo molti articoli con informazioni utili sull’argomento:

Quando riapriranno le fabbriche?

In questa fase, non si sa quando i produttori e i fornitori inizieranno ad operare come di consueto. Fabbriche e aziende sono state chiuse in varie località in tutta la Cina e le aziende di logistica non potranno iniziare a spostare gli articoli fino alla riapertura delle vie di trasporto.

Con l’intervento rapido del governo cinese per fermare la diffusione della malattia, se il Coronavirus non si dovesse diffondere rapidamente oltre la provincia di Hubei, la normale attività dei fornitori e della logistica potrebbe potenzialmente riprendere a febbraio.

I pacchi rappresentano un rischio per i clienti?

Secondo il CDC, non vi sono prove che suggeriscano che il coronavirus sia stato trasmesso attraverso merci e pacchi importati.

Nonostante i coronavirus siano trasmessi da persona a persona attraverso goccioline respiratorie dovute a tosse o starnuti, in genere hanno una scarsa capacità di sopravvivenza sulle superfici. Ciò significa che il rischio di diffusione del virus attuale a partire da prodotti o imballaggi che sono stati spediti per giorni o settimane a temperatura ambiente potrebbe essere molto basso.

Oberlo utilizza i cookie per fornire funzionalità necessarie del sito e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Utilizzando il nostro sito, accetti la nostra politica sulla privacy.