Skip to content

Guida al formato video Instagram: dimensioni per il 2022

Articolo di Thomas J Law

Gli utenti Instagram passano in media 53 minuti al giorno a fare “scroll down” e “swipe up” secondo le più recenti statistiche Instagram, che sia sul loro feed, Instagram Live, o nelle Stories. È ormai chiaro: se hai un marchio e vuoi avere successo sulla piattaforma, devi creare contenuti video impossibili da ignorare. Per fortuna, con Instagram puoi girare video direttamente con lo smartphone e poi caricarli in pochi minuti. C’è solo un problema: il formato video Instagram. 

Lo sapevi che il formato video per Instagram deve seguire delle regole ben precise affinché il tuo video possa essere apprezzato dai tuoi followers? Applicare le giuste regole nella scelta delle dimensioni e del formato dei video, ti consentirà di sviluppare al meglio il tuo business sfruttando la piattaforma social. Devi sempre chiederti quindi: quali formati video supporta Instagram? I tuoi contenuti hanno le dimensioni, la forma e le specifiche giuste?

I brand e gli influencer non hanno scelta. Il gigante della tecnologia Cisco prevedeva che l’82% del traffico sul web sarebbe stato costituito da video entro il 2022, e in effetti è quello che è successo: oggi per avere successo su queste piattaforme il video è praticamente l’unico formato che porta risultati. Niente più scuse: se vuoi aumentare i follower su Instagram, devi creare e condividere contenuti video di ottima qualità.

In questo articolo parleremo del formato video Instagram migliore, andremo a vedere nel dettaglio quali formati video sono supportati da Instagram e ti daremo qualche consiglio per creare video professionali con l’aiuto dei migliori programmi per la post produzione che ti consentiranno di far crescere la tua attività.

oberlo

Inizia a vendere online con Shopify

Avvia la prova gratuita

Formato video per Instagram: qual è il migliore?  

Se ti stai chiedendo che formato video supporta Instagram, il migliore attualmente è l’MP4. La celebre piattaforma social è abbastanza flessibile e accetta anche altri formati, ma con questo si mantiene la massima qualità.

Cos’è il formato video MP4?

Un video in MP4 è un contenitore digitale che consente di interpretare i dati video per la riproduzione in maniera universale grazie all’associazione di uno standard di codifica comune. 

I file MP4 quindi sono:

  1. Video più compressi;
  2. Contengono dati audio e video per permetterne la riproduzione.

Ora che sai qual è il formato video adatto a Instagram, passiamo alle caratteristiche che i tuoi contenuti dovrebbero includere da un punto di vista tecnico per essere della maggiore qualità possibile:

  • H.264 codec
  • Audio AAC
  • Bitrate 3500 kbps
  • Frame rate minimo di 30 fps (“frames per second”)
  • Risoluzione minima di 720 pixel

Puoi usare la maggior parte delle app e software di video editing professionali per esportare i tuoi video in modo che rispettino queste specifiche.

Convertire video per Instagram online

Se invece vuoi semplicemente convertire il tuo video nel formato Instagram, puoi utilizzare uno dei tanti strumenti online gratuiti.

Con una ricerca su Google ne troverai moltissimi, uno dei più noti comunque  è Kapwing

Sul sito, viene descritto come una soluzione per “convertire qualunque video in MP3, GIF, MP4 o Jpeg”.

È uno strumento intuitivo che ti consente di convertire i tuoi contenuti nel formato video Instagram migliore e di fare un lavoro di editing di base. Puoi tagliare, ruotare, ridimensionare e aggiungere musica o testo.

kapwing

Bene: ora che abbiamo coperto le basi, passiamo a informazioni un po’ più tecniche.

Dimensioni video Instagram: quali scegliere 

Così come per il formato video Instagram, anche le dimensioni seguono regole ben precise. Questo in particolare dipende dal tipo di video che vorrai caricare su instagram.

Quante sono le tipologie di video Instagram quindi? 

La tipologia di video chiamata IGTV invece è stata cancellata dalla piattaforma ed è andata a confluire nel grande contenitore chiamato "video Instagram".

Dimensioni video Instagram per Stories e Reels

Per prima cosa quando carichi video su Instagram per i formati verticali come Reels e Stories, utilizza un aspect ratio (cioè il rapporto tra larghezza e altezza) di 9:16:

formato video instagram

Probabilmente hai notato che questa è la dimensione standard della maggior parte degli schermi smartphone.

Le dimensioni migliori per i video su Instagram sono 1080 px x 1920 px.

In altre parole, per riprodurre la qualità migliore, il tuo video dovrebbe essere largo 1080 pixel e alto 1920 pixel.

Puoi scaricare questo template e utilizzarlo per creare i tuoi video su Instagram:

formato video instagram

Per scaricare l’immagine, segui queste istruzioni:

  • MacBook: premi su “Control” e clicca sull’immagine, poi seleziona “Salva immagine come” per memorizzarla.
  • PC: clicca sull’immagine con il tasto destro, poi seleziona “Salva immagine come” per memorizzarla.

Ora sai qual è il formato video migliore per Instagram Stories e Instagram Reels. Per quanto riguarda Instagram Live, ovvero il formato video riprodotto in streaming in tempo reale, sarà la piattaforma stessa a registrare e condividere il video dal tuo smartphone nel formato corretto.

Video nel feed di Instagram: quali regole seguire

Instagram supporta varie dimensioni video per i post nel feed. Nello specifico, l’aspect ratio dei tuoi video dovrebbe essere compreso tra 1,91:1 e 4:5 secondo Later.

Questi due estremi si riferiscono semplicemente alle opzioni “paesaggio” e “ritratto”.

formato video instagram

Le dimensioni migliori per caricare un video su Instagram per questi aspect ratio sono 1080 x 608 pixel e 1080 x 1350 pixel.

Come detto poco fa, puoi utilizzare qualsiasi proporzione tra questi due estremi.

Ad esempio, potresti condividere un video quadrato con un aspect ratio di 1:1 e dimensioni di 1080 x 1080 pixel.

Detto questo, devi tenere presente l’esperienza utente su Instagram.

Ricorda che l’app Instagram non ruota su smartphone e, secondo Wzowl, l’87% delle persone preferisce utilizzare il telefono in verticale.

Questo significa che ogni volta che condividerai un post “widescreen” – cioè rettangolare a tutto schermo – su Instagram, apparirà nelle stesse dimensioni di questo video di The Rock:

formato video instagram: esempio di the rock

Se il tuo obiettivo è quello di aumentare il tuo engagement su Instagram, non è proprio l’ideale.

La cosa migliore, se ti è possibile, è creare video in formato verticale, perché riempiranno una parte più ampia dello schermo dei tuoi follower.

Confronta l’immagine sopra con quella sotto, presa da un video Instagram di Gymshark:

formato video Instagram: esempio Gymshark

L’utente così si sentirà molto più coinvolto dai tuoi contenuti video.

Considera anche che quando i video Instagram Live vengono visualizzati nel feed Instagram, vengono ritagliati con un aspect ratio di 4:5, ovvero l’opzione “ritratto” di cui abbiamo parlato poco fa.

Tutto sommato, è chiaro che gli smartphone ci stanno spingendo verso un futuro fatto di video verticali.

Durata video Instagram: tempi minimi e massimi

La lunghezza minima e massima di un video su Instagram può variare a seconda di dove verrà pubblicato.

Ecco un breve riepilogo delle lunghezze video Instagram per ogni tipo:

  • Lunghezza video Instagram nel feed: minimo 3 secondi.
  • Lunghezza video Instagram Stories: il precedente limite di 15 secondi per storia non è più valido dal 2022, ora essa può durare fino a 60 secondi.
  • Lunghezza video Instagram Live: fino a 60 minuti.
  • Lunghezza video Instagram Reels: fino a 90 secondi (novità 2022).

Quanto alla possibilità di caricare video Instagram più lunghi con IGTV (fino a 60 minuti) è stata eliminata per i motivi che ti spiego meglio più avanti.

Differenze tra formati video Instagram: video per Stories vs video per Reel

Le differenze tra Storie e Reel sono tante e l’una o l’altra tipologia vanno utilizzate per scopi ben diversi tra loro. 

Vediamoli insieme:

  1. durata e formato;
  2. permanenza sul tuo profilo;
  3. distribuzione e posizionamento;
  4. modalità di creazione e scopo.

Analizziamo queste differenze una alla volta.

1. Durata e formato Instagram Stories vs Reels

Quanto alla prima, durata e formato dei video su Instagram, le Stories hanno una durata massima di 60 secondi, e si visualizzano in successione una dopo l’altra nell’ordine di caricamento del profilo, andando anche a creare un contenuto nel complesso più lungo. 

I reel invece possono durare massimo 90 secondi, dopodiché tramite scorrimento verticale verrà mostrato il contenuto successivo (di un altro profilo o dello stesso), che non è collegato al precedente.

reels instagram

2. Permanenza dei video Instagram Stories vs Reels

Anche la permanenza sul tuo profilo varia.

Le storie, a differenza dei reel che restano per sempre nel tuo feed, dopo 24 ore non sono più visibili.

È possibile mantenere anche le Stories nel proprio profilo, ma per farlo bisogna creare delle “storie in evidenza”, ovvero contenitori tematici che raccolgono Stories ormai non più visibili tra le storie effimere.

3. Distribuzione video su Instagram: Stories vs Reels 

La differenza nella distribuzione di questi diversi contenuti consiste nel fatto che i Reels possono essere visibili sia nel tuo feed che nella sezione chiamata "Reels" e che ha oggi sostituito “Esplora”.

Le Stories invece si trovano sempre nella barra orizzontale in alto nella Home, cliccando sul logo rotondo dell’account in questione, oppure direttamente nel profilo.

4. Differenze tra Reels e Stories: creazione e scopo

Infine c’è da considerare la modalità di creazione e lo scopo per cui hai deciso di pubblicare un video su Instagram.

Le storie sono molto semplici e veloci da creare. Ti basta fare una ripresa da cellulare di 60 secondi e pubblicarle nelle tue storie Instagram visibili per 24 ore. Direttamente al momento della pubblicazione potrai personalizzarle e renderle interattive con gli Sticker Instagram quali Musica, Gifs, Sondaggi, etc.

I reel invece richiedono un minimo di post produzione e montaggio, quindi un po’ di tempo e impegno in più da parte tua. Anche in questo caso, l’applicazione stessa fornisce molti strumenti adatti allo scopo, ma spesso si utilizzano anche app esterne di video editing per fare un lavoro più accurato.

Lo scopo che vorrai raggiungere con la pubblicazione del video Instagram, come avrai intuito, condurrà la tua scelta alla tipologia da selezionare. 

Se vuoi creare un bel contenuto d’impatto, magari che faccia pubblicità a un tuo prodotto, la scelta del reel è spesso quella più sensata: i video in questo modo possono essere più strutturati, ma soprattutto rimarranno nel tuo feed per sempre. 

Poiché è ormai possibile vendere  su Instagram direttamente, vale davvero la pena curare nel dettaglio il proprio profilo anche con video Instagram accattivanti che fungono da pubblicità agli oggetti che vendi. 

La storia invece è un’opzione che puoi preferire per informazioni di carattere quotidiano e in generale per soddisfare l’algoritmo di Instagram, che premia i profili più attivi quotidianamente.

Ora che abbiamo visto anche questi suggerimenti relativi al formato video Instagram, andiamo avanti e passiamo al prossimo argomento della nostra guida.

Aggiornamento Instagram video 2022: perché IGTV non esiste più

In tema di formato video Instagram, la piattaforma sta testando molte cose diverse, e spesso alcune delle novità finiscono per essere soppiantate da altro. Se ti stai chiedendo il motivo per cui non ti ho ancora parlato dei video instagram IGTV, è perché gli è toccata proprio questa sorte. 

La funziona IGTV aveva fatto il suo esordio nel mondo social con delle previsioni molto positive. 

Si parlava addirittura di un probabile superamento di YouTube in termini di popolarità. Tuttavia IGTV è stata dismessa di recente poiché si è appreso che gli utenti Instagram non preferivano visionare video di durata maggiore ai classici standard del social.

Secondo le dichiarazioni di Instagram stessa, “non si tratta più di un’app utile alla sola condivisione di fotografie” e gli utenti davano maggiore priorità alla condivisione di video in stile TikTok. Introducendo i Reels, la società ha visto che l’interesse era nettamente maggiore per questi ultimi e ha quindi deciso di rimuovere IGTV.

O meglio, di far confluire tutto in una sorta di grande contenitore che sono i video nel feed di Instagram e i Reel stessi.

Pertanto, anche se è ancora possibile caricare video più lunghi di 90 secondi su Instagram, è probabile che questi non vengano visionati fino alla fine, e che questo calo di attenzione si traduca in un segno negativo per la tua crescita su Instagram. 

Per questo è importante rispettare le tempistiche adatte a ciascuna tipologia di video Instagram.

4 software di video editing (gratis e a pagamento)

Se vuoi iniziare a creare contenuti video lunghi di buona qualità devi utilizzare un programma di video editing professionale.

Hai cercato su Google e non sai da dove iniziare?

Non c’è problema: ti presentiamo quattro fantastici programmi di video editing che puoi utilizzare per creare i tuoi contenuti, nei formati supportati da Instagram. Due sono gratuiti!

Sono tutti programmi molto popolari, quindi troverai tonnellate di tutorial gratuiti su… ehm, YouTube.

YouTube tutorial

1. Adobe Premiere Pro CC

Adatto a: utenti Windows con un budget di produzione.

adobe premiere

Adobe Premiere Pro CC è un potente software di video editing compatibile con computer Windows e Mac.

Viene utilizzato dalla maggior parte dei professionisti del settore ed è stato impiegato nell’elaborazione di molti film di punta, come “Deadpool” e “L’amore bugiardo – Gone Girl”.

È dotato di tutte le funzionalità che ti aspetteresti da un software di questo calibro, tra cui l’editing multicam, l’editing 3D e musica illimitata per i tuoi video, e di funzioni automariche eccezionali.

Ad esempio, quando importi più riprese della stessa scena, il software sincronizza i video automaticamente, risparmiandoti ore di lavoro manuale.

Ovviamente è in grado di svolgere anche tutte le funzioni di base, tra cui le sovrapposizioni di testo, la grafica, le transizioni e le gradazioni di colore.

Prezzo: Adobe offre una prova gratuita di sette giorni. Dopodiché, un conto Adobe Premiere Pro CC Individual costa 24,39 euro al mese. In alternativa, puoi abbonarti a tutte le applicazioni di Adobe al costo di 60,99 euro al mese. In entrambi i casi il prezzo scende se scegli il piano annuale o paghi un anno in anticipo.

2. Final Cut Pro X

Adatto a: utenti Mac con un budget di produzione.

final cut pro X

Final Cut Pro X di Apple è un altro programma di video editing ricco di funzionalità, disponibile solo su Mac.

Questo editor è stato utilizzato per montare ed elaborare molti film di successo, tra cui “X-Men le origini – Wolverine”, “300”, “John Carter” della Disney, e molti altri ancora.

Come puoi aspettarti da qualsiasi prodotto Apple, l’interfaccia utente di Final Cut Pro X è intuitiva e relativamente semplice da utilizzare, soprattutto considerando la moltitudine e la complessità delle sue funzionalità.

Proprio come Adobe Premiere Pro CC, con questo programma puoi usufruire di editing multicam, tracce video illimitate, sincronizzazione automatica e bilanciamento intelligente dei colori.

Se possiedi già un Mac, Final Cut Pro ti sembrerà piuttosto familiare e probabilmente apprezzerai il fatto che si integra bene con il resto dell’ecosistema Apple.

Prezzo: Apple offre una prova gratuita di 30 giorni. Dopodiché, puoi acquistare Final Cut Pro X con un unico pagamento pari a 329,99 euro.

3. Lightworks

Adatto a: chi non ha budget ma potrebbe voler fare l’upgrade in futuro.

lightworks

Lightworks è un programma gratuito di video editing compatibile con Mac, Windows e Linux.

È stato usato per l’elaborazione di innumerevoli film, come “The Wolf of Wall Street”, “Mama Mia”, “Braveheart” e “Notting Hill”.

Con la versione gratuita di Lightworks hai tutti gli strumenti di video editing base di cui potresti aver bisogno, l’editing multicam e una vasta gamma di formati, tra cui il formato video Instagram MP4.

Se invece vuoi accedere alle funzionalità avanzate, puoi fare l’upgrade e passare a un abbonamento mensile a pagamento.

La curva di apprendimento è piuttosto ripida, ma ci sono moltissimi tutorial gratuiti su YouTube che possono aiutarti a iniziare.

Prezzo: puoi utilizzare Lightworks gratuitamente a tempo indeterminato oppure passare alla versione pro per 24,99 dollari (circa 21,07 euro) al mese.

4. Blender

Adatto a: chi non ha budget ma vuole sperimentare con l’animazione 3D.

blender

Blender è una delle migliori applicazioni di video editing gratuite ed è compatibile con Windows, Mac e Linux.

Il programma è stato progettato come uno strumento di animazione 3D, ma è ottimo anche come video editor.

Oltre alle funzioni di video editing base, puoi utilizzarlo per il video masking, l’editing audio, il layering e molto altro ancora. Puoi anche accedere a 32 tracce audio per i tuoi video e altri media.

L’unico svantaggio è che la curva di apprendimento è più ripida rispetto a quella di Final Cut Pro X e molti dei tutorial disponibili online si rivolgono più all’animazione 3D che al video editing standard.

Prezzo: poiché si tratta di un programma open source, Blender è completamente gratuito e non ti verranno proposti upsell o upgrade.

Se vuoi un elenco più comprensivo di programmi da utilizzare per creare i tuoi video Instagram, dai un’occhiata alla nostra guida ai migliori 20 software e app gratuite di video editing.

Il nuovo formato Instagram Video (aggiornamento ottobre 2021)

Il 5 ottobre 2021, Instagram ha dichiarato di aver preso la decisione di unire il formato IGTV e i video del feed in un'unica scheda all'interno del profilo. 

L'interesse sempre maggiore degli utenti della piattaforma verso i video ha spinto Instagram ha voler offrire ai propri utenti un modo più semplice di scoprire contenuti video, e nuove funzionalità di editing.

Il modo in cui potrai creare e condividere i video sul tuo profilo non cambierà, ma avrai a tua disposizione nuovi strumenti di taglio, filtri e la possibilità di taggare persone e luoghi. 

Conclusione

Se non avevi ancora considerato il potenziale dei video su Instagram, ora è il momento di iniziare a farlo.

Mentre Instagram è impegnata a potenziare IGTV, la concorrenza è poca: è il momento migliore di sfruttare l’app e aumentare il tuo engagement.

Quando crei video su Instagram, assicurati di:

  • esportarli utilizzando il formato video Instagram MP4;
  • verificare che il tuo MP4 utilizzi un codec H.264;
  • caricare video verticali e in modalità “ritratto”;
  • usare un aspect ratio di 9:16 per Stories e video IGTV;
  • caricare video di 1080 pixel x 1920 pixel.

Ricordati anche delle lunghezze minime e massime dei video su Instagram:

  • i video nel feed devono durare minimo 3 secondi e massimo 1 minuto;
  • i video delle Instagram Stories devono durare massimo 15 secondi;
  • i video Instagram Live possono durare fino a 60 minuti;
  • i video IGTV devono durare minimo 60 secondi e massimo 10 minuti (a meno che tu non abbia molti follower o un account verificato; in questo caso, puoi caricare video di 60 minuti).

Hai domande su come creare e caricare video su Instagram? Scrivile nei commenti!

Traduzione: Martina Russo

Ti potrebbero interessare anche:

Correlato