Skip to content
ottimizzare checkout pagamento

Checkout pagamento: cos’è e 10 strategie per ottimizzarlo nel 2023

Articolo di Ludovica Marino

Se hai creato il tuo negozio online avrai pensato a ogni dettaglio, dalle immagini dei prodotti alle descrizioni, dal messaggio di benvenuto all’assistenza post vendita. Purtroppo, tutti gli aspetti a cui hai dedicato così tanto tempo rischiano di diventare superflui senza l’ottimizzazione del processo di checkout e pagamento. 

Uno dei problemi principali degli ecommerce è il tasso di abbandono del carrello e uno dei principali fattori che spingono i clienti ad abbandonarlo senza procedere al checkout e al pagamento è proprio una mancata ottimizzazione di questo passaggio.

In questo articolo scopriremo come e perché ottimizzare il checkout e il pagamento del tuo negozio online, così da offrire ai tuoi clienti un’esperienza davvero indimenticabile, dall’inizio alla fine. 

In cosa consiste il processo di checkout e pagamento

Il checkout o pagamento è il momento finale dell’esperienza d’acquisto dei tuoi clienti all’interno del tuo store. 

Dopo aver trovato il tuo business e deciso cosa acquistare, ai clienti non resta che aggiungere i prodotti al carrello online e finalizzare l’acquisto completando il pagamento. 

Come puoi immaginare, è uno dei passaggi fondamentali della gestione del tuo business, perché la maggior parte dei carrelli abbandonati sono causati proprio da una scarsa ottimizzazione del processo di checkout e pagamento. 

Il che rende questa fase così delicata e la sua ottimizzazione così importante. 

Checkout pagamento: cosa comporta l’ottimizzazione? 

L’ottimizzazione del processo di checkout ha come fine ultimo l’aumento del tasso di conversione e la riduzione del tasso di abbandono del carrello di un ecommerce. 

Un checkout e un processo di pagamento ben ottimizzati eliminano qualunque elemento possa distrarre il cliente dall’obiettivo finale, ovvero l’acquisto, sottolineando l’affidabilità del business e offrendo, eventualmente, anche aggiunte rilevanti che potrebbero aumentare il valore del carrello. 

Perché i clienti abbandonano il checkout prima del pagamento? 

I motivi che possono portare un cliente ad abbandonare il checkout senza effettuare un pagamento sono diversi, tra cui:

  • Presenza di tariffe, commissioni o altri tipi di spese nascoste e inaspettate
  • Impossibilità di calcolare il costo totale dell’acquisto in anticipo
  • Obbligo di creare un account per poter procedere all’acquisto
  • Difficoltà di navigazione nel processo di checkout e pagamento
  • Mancanza di fiducia nel sito web su cui devono effettuare  il pagamento  

Questi sono solo alcuni dei motivi, ma con un po’ di attenzione puoi già individuare un aspetto comune: sono tutti risolvibili

Il  che vuol dire che il checkout e il processo di pagamento del tuo business può essere migliorato, ottimizzato e perfezionato così che i clienti non abbiano modo di sollevare alcuna obiezione. 

perché i clienti abbandonano il checkout

10 strategie per ottimizzare il checkout pagamento

Come puoi immaginare si può partire dai problemi principali che portano all’abbandono dei carrelli, ma ci sono diverse strategie da implementare per ottimizzare il processo di checkout e pagamento. 

Ecco quindi le migliori strategie per ottimizzare il processo di checkout e pagamento: 

  1. Rimuovi i costi nascosti per un checkout limpido
  2. Permetti ai clienti di calcolare in anticipo la spesa totale
  3. Offri l’opzione di effettuare checkout e pagamento senza registrazione 
  4. Mostra l’avanzamento all'interno del processo di checkout e pagamento
  5. Ricorda ai clienti che si trovano su un sito web affidabile
  6. Offri più metodi di pagamento durante il checkout 
  7. Ottimizza il processo di checkout e pagamento per mobile
  8. Permetti ai clienti di salvare il carrello 
  9. Sfrutta i principi di scarcity e FOMO
  10. Semplifica i moduli da completare 

Analizziamole nel dettaglio. 

1. Rimuovi i costi nascosti per un checkout limpido

Non c’è niente di peggio di pensare di dover spendere una determinata cifra, registrarsi a un ecommerce, tirare fuori la carta di credito…e scoprire che a quella cifra è necessario aggiungere costi imprevisti per poter completare l’acquisto. 

Fai in modo di evidenziare chiaramente qualunque costo aggiuntivo di spedizione, tariffe extra ed eventuali tasse e commissioni prima che i clienti siano pronti per completare il loro acquisto. 

E se prevedi di offrire ai tuoi clienti un’anteprima del tuo carrello mentre continuano i loro acquisti, assicurati che la cifra che vedono nell’anteprima rifletta il prezzo finale. 

Se non vuoi “spaventare” i clienti con i tuoi costi di spedizione o con altre tariffe aggiuntive potresti pensare di includere questi costi all’interno della tua strategia di prezzo. In tal caso, rendi ben chiaro ai clienti che la spedizione sarà gratuita e che il prezzo che vedono è comprensivo di tutto.

Un consiglio: potresti pensare di aggiungere un banner con una soglia minima di spesa da raggiungere per poter usufruire della spedizione gratuita. In questo modo i costi saranno chiari per i tuoi clienti, e tu riuscirai ad aumentare il valore medio dell’ordine. 

2. Permetti ai clienti di calcolare in anticipo la spesa totale

Anche mentre navigano all’interno delle pagine dei tuoi prodotti, è importante che i clienti possano calcolare la spesa totale a cui andranno incontro al momento del checkout. 

Un modo semplice per farlo è permettere loro di visionare in ogni momento un’anteprima del carrello, così che possano visionare la spesa totale che dovranno sostenere man mano che aggiungono prodotti al carrello. 

Potresti pensare che sia una mossa controproducente, ma il rischio è che i clienti aggiungano troppi prodotti al carrello, per poi rendersi conto di aver magari superato il loro budget e non essere più in grado di completare l’acquisto. 

Per questo motivo, se vuoi ridurre l’abbandono del carrello e ottimizzare il tuo checkout e pagamento, permetti loro di calcolare la spesa totale con un semplice click.

Un consiglio: potresti anche organizzare la grafica del tuo checkout perché mostri il costo totale accanto all’icona del carrello, che i clienti possono cliccare per visualizzare i prodotti che hanno inserito al suo interno. 

checkout abbandonato

3. Offri l’opzione di effettuare checkout e pagamento senza registrazione 

Non tutti i clienti saranno interessati a registrarsi al tuo ecommerce, soprattutto se è la prima volta che fanno lì i loro acquisti. 

Offri quindi ai tuoi clienti la possibilità di completare il processo di checkout e pagamento senza doversi registrare, continuando come ospiti in modo che non debbano perdere troppo tempo. 

Potrai sempre trovare modi per invitarli a registrarsi in un secondo momento, o potresti offrire loro un incentivo che li spinga a completare la registrazione, come uno sconto aggiuntivo per i nuovi iscritti. 

4. Mostra l’avanzamento all'interno del processo di checkout e pagamento

Se è la prima volta che fanno shopping sul tuo store, i clienti non avranno idea della durata del processo di checkout. 

Quanto tempo passerà e quante fasi dovranno attraversare dalla scelta del prodotto alla conferma dell’acquisto? 

Le persone vogliono sapere a che punto del processo si trovano e quanto manca alla fine della loro esperienza d’acquisto. 

Un semplice ma efficace modo di comunicarlo consiste nell’utilizzare una barra di avanzamento che mostra agli utenti il loro percorso all’interno del tuo ecommerce. 

In questo modo loro sapranno esattamente quanto tempo devono investire e cosa aspettarsi dall’intera esperienza, e tu ridurrai il rischio che, smarriti all’interno del tuo store, decidano di abbandonare il checkout proprio a un passo dalla fine. 

avanzamento stato checkout

5. Ricorda ai clienti che si trovano su un sito web affidabile

Fare shopping online vuol dire affidare a degli sconosciuti le proprie informazioni, il proprio indirizzo di casa, i dati della propria carta di credito. Se il tuo sito web non si dimostrerà degno della loro fiducia, puoi avere la certezza che i clienti non ci penseranno due volte prima di abbandonare il checkout senza completare il pagamento. 

I consumatori del 2023 sono ben navigati a sanno bene a cosa prestare attenzione per valutare l'affidabilità di un sito web. 

I fattori principali che possono rassicurare i tuoi clienti sono:

  • Sigillo SSL per dimostrare che il tuo sito web è sicuro
  • Sigilli di fiducia che dimostrino l’affidabilità del tuo business
  • Recensioni dei clienti che hanno già acquistato con successo dal tuo store
  • Principali metodi di pagamento accettati 
  • Simboli che trasmettono sicurezza, come l’icona di un lucchetto 
  • Garanzie di rimborso e chiare politiche di reso e restituzione 

6. Offri più metodi di pagamento durante il checkout 

I consumatori non sono solo sempre più attenti, sono anche sempre più esigenti, e potrebbero facilmente cambiare idea sul loro acquisto se non dovessero poter usufruire del loro metodo di pagamento preferito. 

Ecco perché un’ottima strategia di ottimizzazione del processo di checkout consiste nell’offrire ai clienti più opzioni di pagamento, tra cui:

  • Carte di credito o debito
  • App di shopping come PayPal
  • Wallet digitali come Apple Pay, Google Pay o Samsung Pay
  • Opzioni di pagamento Buy Now Pay Later
  • Opzioni di pagamento a rate 

metodi di pagamento

7. Ottimizza il processo di checkout e pagamento per mobile

Gli acquisti da mobile sono sempre più frequenti, ed è ormai obbligatorio ottimizzare il proprio processo di checkout e pagamento anche per i dispositivi mobili.

Altrimenti, rischi di perdere tutta quella fetta di consumatori che preferisce fare shopping on the go, approfittando della flessibilità offerta dai loro dispositivi. 

Non solo, ottimizzando il tuo checkout e pagamento anche per mobile riuscirai anche a sfruttare in modo efficace il social commerce, che è un’altra tendenza che non accenna a voler rallentare. 

statistiche checkout mobile

8. Permetti ai clienti di salvare il carrello 

Potrebbe anche succedere che i tuoi clienti siano realmente intenzionati a procedere con l’acquisto, ma che semplicemente quello non sia il momento adatto. Sì, anche se si trovano a metà del processo di checkout e pagamento.

Un modo per ovviare a questo problema ed evitare di perdere un potenziale cliente è quello di offrire la possibilità di salvare il carrello, ovviamente registrandosi sul tuo sito, così che possano procedere all’acquisto in un secondo momento. 

Un consiglio: se il processo di salvataggio del carrello ti sembra troppo complicato, o vuoi offrire opzioni più flessibili ai tuoi clienti, potresti offrire loro la possibilità di salvare gli articoli in una sorta di lista dei desideri, che possono visionare e modificare semplicemente accedendo alla loro area personale del tuo ecommerce. 

9. Sfrutta i principi di scarcity e FOMO

Ogni volta che i consumatori devono acquistare qualcosa online, parte del loro cervello inizia a porre domande come: Ne ho davvero bisogno? È meglio aspettare? È davvero questo il momento giusto? Ne vale la pena? 

Lasciare tempo e spazio ai tuoi clienti di rispondere a queste domande aumenta la probabilità che questi decidano di abbandonare il processo di checkout senza completare il pagamento, anche se temporaneamente. 

Un ottimo modo per fare in modo che questo non accada è quello di sfruttare i principi di scarcity e FOMO, ovvero comunicare ai tuoi clienti che si tratta di offerte imperdibili, che altre persone stanno acquistando lo stesso prodotto, e che se aspettano altro tempo rischiano di perdere la possibilità di completare l’acquisto. 

10. Semplifica i moduli da completare 

Un ottimo modo per ottimizzare il processo di checkout e pagamento consiste nel semplificare il più possibile i campi da completare all’interno del modulo di checkout.

Certo, alcune informazioni sono fondamentali e non possono essere sintetizzate, come l’indirizzo a cui spedire il prodotto o l’email a cui inviare la conferma dell’ordine. 

Ma a nessuno piace perdere troppo tempo per completare campi che possono sembrare inutili, soprattutto considerando che i consumatori sono sempre più abituati a processi di checkout estremamente rapidi come quelli offerti da Amazon e da altri giganti. 

Dai quindi un’occhiata ai campi presenti nel modulo del tuo ecommerce, e assicurati di richiedere solo le informazioni strettamente necessarie. 

Un ottimo modo per semplificare questo passaggio è offrire ai clienti la possibilità di memorizzare i loro dati per i loro acquisti futuri, in modo da rendere il checkout ancora più rapido. 

carrello amazon

Checkout pagamento: conclusione 

A questo punto dovresti avere tutte le carte in regola per ottimizzare il processo di checkout e pagamento del tuo store. 

Ovviamente, seguire tutti i consigli che hai trovato in questo articolo non equivale a un tasso di abbandono del carrello dello 0%, anche se ci piacerebbe che fosse così. 

Ci saranno sempre dei clienti che cambiano idea, che hanno bisogno di più tempo per prendere una decisione, che devono consultarsi con il loro partner o con i loro familiari prima di completare l’acquisto. 

Potrai raggiungere tutti questi clienti con l’email marketing e con altre strategie efficaci, ma con la consapevolezza che, se non hanno completato l’acquisto, la colpa non è del tuo processo di checkout e pagamento. 

Ti vengono in mente altre strategie di ottimizzazione del processo di checkout che non abbiamo menzionato in questo articolo? Condividi la tua esperienza nei commenti qui sotto! 

Inizia a vendere online con Shopify

Avvia la prova gratuita

Ti potrebbero interessare anche: 

Correlato