Partire da zero: come questo 21enne canadese ha avuto successo online

Venetia Anderson Storie di Successo

Lettura: 10 minuti 0 commenti

Questa non è una storia di università prestigiose, di mentori facoltosi o di enormi investimenti a cui attingere. È la storia di un ragazzo normale che si è ritrovato a partire da zero, che ha trovato la strada per il successo grazie alle sue forze, non fermandosi davanti agli ostacoli e andando avanti nonostante le difficoltà.

Yuanda Wang è un giovane imprenditore di 21 anni che viene da Hamilton, in Ontario. Ha passato l’ultimo anno a esplorare il mondo dell’ecommerce e del dropshipping, e il suo ultimo store è arrivato a incassare 18,000$ in quattro mesi. Ma Yuanda ha rischiato che questo successo non arrivasse, tanto che fino a poco tempo fa la sua vita stava per prendere una strada completamente diversa.

Scopri migliaia di prodotti da vendere online. Carta di credito non necessaria, zero rischi.

Iscriviti ad Oberlo. È gratis.

Partire da zero: un ragazzo come tanti 

Come diventare imprenditore partendo da zero?

“Fino a più di un anno fa ero un ragazzo come tanti” dice. “Dopo il liceo mi sono iscritto all’università e non avevo la più pallida idea di cosa avrei voluto fare da grande.”

Yuanda ha seguito il consiglio dei suoi genitori, e si è iscritto alla facoltà di Scienze Biologiche.

“A quel tempo i miei genitori avrebbero voluto che diventassi un dottore, quindi ho iniziato quel percorso. Ricordo di aver pensato che sarebbe potuto essere un buon lavoro, e che avrei guadagnato bene. Ho deciso di iniziare a studiare Scienze Biologiche e pensavo che prima o poi avrei trovato una strada”.

Al tempo stesso, Yuanda trascorreva tantissimo tempo sui forum che parlavano di business online. Leggeva storie di imprenditori che lanciavano e gestivano con successo le loro attività. Si è appassionato a tutti i modi esistenti per avviare un’attività online e all’incredibile potenziale del guadagnare online. A 15 anni ha persino provato a guadagnare qualcosa con l’affiliate marketing (anche se non ha portato a molto). E più leggeva dei diversi business online e del mondo dell’ecommerce, più si incuriosiva.

partire da zero citazione

“Quando ho iniziato a leggere di imprenditoria, ecommerce e marketing online, ho scoperto un mondo. Non avevo mai trovato niente di così interessante”, dice. “Guardavo video su YouTube, e leggevo costantemente articoli a riguardo. Era la prima volta che mi appassionavo a qualcosa che mi piaceva fare. Ed è stato lì che è scattato qualcosa”.

Yuanda si ritrovava a partire da zero e, al di là di quel tentativo di fare affiliate marketing, non aveva alcuna esperienza di business. Soprattutto, non aveva denaro. Per quanto fosse intrigato dall’idea di gestire il suo business di ecommerce, sapeva che sarebbe stato difficile, data la sua situazione.

Ed è stato a quel punto che ha scoperto il dropshipping. Questo modello di business gli avrebbe permesso di gestire un negozio online senza dover acquistare i prodotti in anticipo, avrebbe pagato solo una volta venduti i prodotti, e il suo fornitore gli avrebbe spediti direttamente ai suoi clienti.

“Mi ha conquistato perché non c’erano rischi particolari. Non avevo denaro da investire in questo progetto, ero uno studente senza un lavoro, e avevo a malapena 100$ sul mio conto bancario. Pensavo che avviare un business sarebbe stato costoso. Il dropshipping mi ha dimostrato che poteva essere estremamente accessibile. Chiunque può avviare il proprio business, basta solo avere un po’ di denaro per iniziare.”

partire da zero citazione dropshipping

Vedere il fallimento con occhi diversi

Ti stai chiedendo come diventare un imprenditore? Il primo passo è accettare il fallimento.

Poco prima di Natale, nel 2017, ha iniziato a creare i suoi primi negozi. Ha usato Shopify come piattaforma per l’ecommerce, e Oberlo per trovare prodotti da fornitori di dropshipping in tutto il mondo.

Come abbiamo detto, Yuanda si è ritrovato a partire da zero, e all’inizio non sapeva cosa vendere. Così si è cimentato in una varietà di nicchie di prodotti diversi. Ha provato a vendere trucchi, carillon, e ha anche creato uno store generico con una varietà di prodotti di tendenza. Ogni sera, dopo le lezioni, si dedicava ai tutorial di YouTube e agli articoli dei blog, cercando di imparare il più possibile.

Era una prova del fuoco. Stava reinvestendo tutti i soldi che aveva guadagnato dai suoi primi negozi, e non sempre le sue strategie di marketing hanno funzionato.

“C’è stato un punto in cui ho lanciato una pubblicità enorme su una famosa pagina di meme. È stato molto costoso. Ho speso circa 800 dollari e non ha dato i suoi frutti, non ha generato abbastanza vendite. Ho perso molto, direi 400 dollari dopo le spese, il costo della merce e tutto il resto”, dice.

Ma, piuttosto che lasciarsi abbattere dalla perdita, ha deciso di rimettere il tutto in prospettiva.

“È stato un momento difficile. Ma vedevo il fallimento come uno stato temporaneo. Se fallisci, impari qualcosa. Impari che hai commesso un errore, e da lì puoi solo crescere. Quindi, anche quando il gioco si fa duro, mi rendo conto che fallire è parte del processo. Puoi fallire, ma è più importante il modo in cui reagisci a quel fallimento che il modo in cui reagisci ai successi. È quello che determina il vero successo.”

partire da zero - fallire vuol dire imparare

Trovare i prodotti vincenti 

I suoi primi negozi hanno fruttato un po’ di soldi, ma è stato solo con il suo ultimo negozio che le cose hanno cominciato a decollare. E tutto questo grazie alla scoperta di un prodotto, un adattatore per iPhone.

L’adattatore, che si trova nella nicchia degli accessori per il telefono, ha portato il suo negozio da zero a oltre 18.000 dollari di vendite in soli quattro mesi.

guadagni dello store

“Ho un amico con il quale avevo parlato di dropshipping. Ci siamo conosciuti tramite il mio gruppo Facebook, e mi ha fatto vedere che il suo store aveva venduto questo prodotto in passato, guadagnando 20.000$ in un mese”, racconta. 

Ha cercato un fornitore dello stesso prodotto e ne ha trovato uno su AliExpress. Per valutare il livello di concorrenza, ha esaminato attentamente la cronologia degli ordini del prodotto, e ha notato che c’era stata una marea di ordini da parte dei clienti AliExpress.

“Dalla cronologia degli ordini di solito è possibile capire se qualcuno sta facendo dropshipping”, spiega.

La sua prima tattica è stata quella di osservare le date e gli orari degli ordini. Se c’è una serie di ordini effettuati più o meno nello stesso periodo, potrebbe essere un dropshipper che sta evadendo gli ordini in massa. Anche il luogo di consegna può fornire suggerimenti. La maggior parte delle vendite organiche su AliExpress viene consegnata ai clienti europei, ma la maggior parte dei dropshipper vende prodotti negli Stati Uniti.

Quindi, se nella cronologia dell’ordine si vedono stelle e strisce, è lecito supporre che questo prodotto sia attualmente venduto da qualche dropshipper.

partire da zero - aliexpress

Secondo Yuanda, questo trucco è fondamentale per trovare potenziali prodotti vincenti.

“Credo che uno dei criteri più importanti che ora cerco nei prodotti sia la vendita organica da parte di persone che usano AliExpress come consumatori e non come dropshipper. Questo dimostra che c’è una domanda per il prodotto, ma in quel preciso momento quel fornitore non sta facendo dropshipping in modo massiccio, e sai di avere l’opportunità di entrare e prendere una fetta di quella torta”.

citazione partire da zero

Controllare la nicchia: accessori per smartphone

La nicchia degli accessori per smartphone che Yuanda ha scelto è ricca di potenzialità. Google Trends ci mostra (da questa ricerca dal termine in inglese) che si tratta di una nicchia che è rimasta popolare negli ultimi cinque anni e che non sembra sia destinata a sparire.

trends.embed.renderExploreWidget(“TIMESERIES”, {“comparisonItem”:[{“keyword”:”phone accessories”,”geo”:””,”time”:”today 5-y”}],”category”:0,”property”:””}, {“exploreQuery”:”date=today%205-y&q=phone%20accessories”,”guestPath”:”https://trends.google.com:443/trends/embed/”});

La cosa bella del mercato degli accessori telefonici è che è enorme. Si stima che ci siano più di 7 miliardi di telefoni cellulari in uso nel mondo. Solo negli Stati Uniti, questo numero supera i 327 milioni. Anche se dovessi riuscire a coprire solo lo 0,001% del mercato statunitense, avrai comunque 327.000 potenziali clienti.

Se dovessi scegliere di vendere accessori per smartphone, potrai vendere prodotti come custodie per telefoni o caricabatterie wireless. E poiché i telefoni sono così personali e importanti nella vita di chiunque, le persone desiderano acquistare prodotti che si adattino al loro stile. Questo significa che c’è una quantità potenzialmente illimitata di design che potresti offrire.

 

I dettagli fanno la differenza

Quando ha lanciato il suo store di accessori per smartphone, Yuanda era sicuro di due cose: 

  1. Voleva che il suo store avesse l’aspetto di un brand premium.
  2. Le pubblicità non funzionano se sembrano pubblicità.

Yuanda ha lavorato duramente per realizzare la prima, concentrandosi sui dettagli del suo store, perché avesse l’aspetto di un negozio affidabile e di alto livello. Il primo passo è stato quello di includere un solo tipo di prodotto nel suo negozio, con tre variazioni di stile. Ha utilizzato una variante semplificata del tema Brooklyn, che incanala rapidamente gli utenti verso i pulsanti “Acquista ora” o “Aggiungi al carrello”.

“L’idea era quella di far apparire il negozio come un brand, non come un negozio di dropshipping, e non come un negozio generico”. È un negozio mono-prodotto che ha l’aspetto di un vero brand”, dice. “Molti general store hanno solo una collezione casuale di prodotti. E personalmente ho la sensazione che non appena qualcuno vede una collezione casuale di prodotti, automaticamente pensa ad Amazon e poi inizia a pensare: Oh, posso avere un prezzo migliore su Amazon? Ed è allora che ci rimetti.”.

Ma non finisce qui. Yuanda ha pensato a dettagli ancora più minuziosi.

“Una cosa che ho fatto di recente è stato informarmi sul pricing dei prodotti. Penso che una cosa che spesso le persone sbagliano completamente nell’ecommerce è il modo in cui impostano i prezzi”, dice.

citazione acquisto impulsivo

“Per questo motivo, molte persone raccomandano sempre di fissare il prezzo a 0,99. Ma ho notato che gli unici store che lo fanno davvero sono brand di vendita al dettaglio come Walmart, Loblaws, e alcuni brand di ecommerce come Amazon. Quindi si tratta sempre di grandi rivenditori, e la gente si rivolge a store come Amazon e Walmart perché vuole il prezzo più economico. Ma quando stai cercando di convincere i clienti a fare un acquisto impulsivo, non vuoi che pensino al prezzo. Vuoi che pensino che il tuo prodotto è speciale e che possono solo acquistarlo dal tuo sito in quel preciso momento. Ecco perché ora imposto i miei prezzi sempre come cifre intere, come 20$ o 22$. Questo conferisce al mio brand un aspetto professionale. Se guardi ai grandi marchi che vendono online, come Nike, non usano prezzi che terminano in 0.99, hanno tutti prezzi come 17$, 37$, 100$, ecc.”

Per la pubblicità, si è attenuto fermamente alla convinzione che i migliori annunci non sembrano affatto pubblicità.

“Questo è qualcosa in cui credo davvero, la creazione di contenuti che non abbiano l’aspetto di una pubblicità”. Perché se un annuncio sembra una pubblicità, alla gente non piacerà, passerà oltre. E sarà più difficile far vedere quegli annunci alle persone, a causa dell’algoritmo di Instagram che favorisce i post ad alto coinvolgimento”, dice.

partire da zero pubblicità

Ma ci è voluto un po’ di tempo per arrivare a questa realizzazione, e ammette che all’ inizio i suoi annunci avevano bisogno di molti miglioramenti.

“Quando ho iniziato, non sapevo affatto come realizzare contenuti accattivanti”, dice. “La differenza tra oggi e allora è che ora capisco che le persone non vogliono vedere annunci, quindi la tua pubblicità deve essere non invasiva e discreta, così che non sembri affatto una pubblicità”.

La sua strategia ora è quella di creare contenuti per Instagram che presentino il suo prodotto, ma che si inseriscano perfettamente nel feed del suo pubblico. E fa anche influencer marketing, pagando dei profili di nicchia relativi al suo prodotto per ripostare i suoi contenuti così che li vedano i loro follower.

“Per esempio, alcuni dei miei annunci sembrano un meme. Hanno l’aspetto di un classico post organico che non sembra una pubblicità”, dice.

partire da zero ad nel feed

Anche se si era ritrovato a partire da zero, aveva già sperimentato la tattica degli shoutout di Instagram nei suoi negozi precedenti, quindi sapeva bene cosa fare con il suo negozio di accessori per smartphone.

“Per il mio negozio di accessori, sapevo esattamente cosa fare. Facevo più pubblicità, trovavo nuove pagine su cui farle girare, e poi continuavo ad accumularle. E in poco tempo, a una settimana circa dal lancio del negozio, ho raggiunto un fatturato di 300 dollari al giorno, in modo costante e omogeneo. Quindi il sito era abbastanza redditizio fin dall’inizio”, dice.

Un consiglio per chi parte da zero

Come diventare imprenditore partendo da zero? Come diventare imprenditore senza soldi? Anche se Yuanda è riuscito a partire da zero e a reinvestire i suoi profitti poco a poco per aiutare la sua attività a crescere, il suo consiglio per chi si ritrova a partire da zero è che questo potrebbe non essere l’approccio migliore. Diventare imprenditore non è una strada in discesa, e avere un budget iniziale può fare la differenza.

“Penso che un consiglio davvero importante sia che hai bisogno di soldi per iniziare”, dice. Se non hai soldi, e vuoi avviare la tua attività di dropshipping, devi trovare un modo per avere soldi”. Devi trovare un lavoro, iniziare un lavoro da freelance, trovare un modo per guadagnare online o una qualche fonte di reddito”.

Ricorda quanto sia stato frustrante per lui trovarsi in quella posizione, dover partire da zero senza un flusso di cassa sufficiente per far crescere la sua attività.

“Ero in una fase in cui non avevo soldi da spendere per la mia attività di dropshipping. Anche se avevo effettuato delle vendite, non ero in grado di scalare il business. Lo scorso Natale ho realizzato delle vendite con il mio negozio di carillon, ma non sono riuscito a scalarlo perché semplicemente non avevo i soldi per farlo”, dice.

“Durante l’estate, ho finito per trovare un lavoro, un part-time in un ufficio. Ed è stato proprio nel momento in cui ho ottenuto questo lavoro che il mio secondo negozio di dropshipping ha iniziato a fare sempre più vendite. Penso che sia perché ero più tranquillo, sapevo che mi sarebbero entrati dei soldi, e sapevo di poterli spendere in pubblicità senza la paura di perdere tutto”.

Suggerisce un budget di avvio di 1.000 dollari, in modo da avere abbastanza per testare diversi prodotti e scalare con quelli che funzionano di più. Una volta fatto questo, dovresti essere in grado di iniziare a generare vendite e reinvestire le tue entrate in più pubblicità per il tuo business.

Ma, cosa importante, avverte che bisogna essere a proprio agio con la possibilità che vada tutto in fumo.

“Chi ha paura di spendere non riuscirà a guadagnare“, afferma.

Yuanda Wang - partire da zero

Partire da zero e gestire il proprio business

Come iniziare da zero e diventare imprenditore da giovane? Di sicuro iniziare a fare dropshipping come prima esperienza di business e lanciare il proprio business di ecommerce ha messo Yuanda su una strada molto diversa da quella che aveva pianificato un paio di anni fa. Gli ha persino fatto riconsiderare il suo percorso verso la carriera di medico.

“Sto ancora studiando nel campo delle scienze, ma sono passato a un altro tipo di scienza, che è la psicologia”, dice. “Sento che è stato davvero utile per capire come scrivere, come impostare la descrizione del mio prodotto, e anche per capire la mentalità di un cliente o di un potenziale cliente quando naviga sui social media”.

Ma l’impatto del business e della nuova mentalità imprenditoriale di Yuanda è stato maggiore della laurea che conseguirà: ha trasformato la sua visione della vita e gli ha dato uno scopo completamente nuovo.

“Ha avuto un impatto positivo su di me in moltissimi modi. Avviare un mio business mi ha dato una buona fonte di reddito di cui vivere mentre frequento l’università, ma credo che mi abbia anche cambiato e trasformato in una persona migliore”, dice.

“Prima passavo il mio tempo libero a oziare guardando Netflix e non ero davvero produttivo. E ora mi sento come se questo business mi avesse dato un senso di determinazione. Quando mi sveglio la mattina, ho qualcosa su cui so di poter lavorare e che mi motiva davvero ad alzarmi dal letto e iniziare subito a lavorare sodo”.

Traduzione: Ludovica Marino

Scopri migliaia di prodotti da vendere online. Carta di credito non necessaria, zero rischi.

Iscriviti ad Oberlo. È gratis.

Ti potrebbero interessare anche:

Venetia Anderson
Venetia Anderson
Venetia Anderson è una content marketer di Oberlo. La sua passione è quella di scoprire appassionanti storie di imprenditori, oltre a piante e musica da discoteca. Segui Venetia su Twitter su @venetia__a