Skip to content

Piattaforme ecommerce: le 12 migliori per il tuo business nel 2022

Articolo di Thomas J Law

Se vuoi aprire un negozio online, creare un sito ecommerce, un business in dropshipping o cambiare il tuo servizio di hosting attuale, forse ti stai chiedendo quale siano le migliori piattaforme ecommerce per le tue esigenze.

Scegliere una piattaforma ecommerce online per il tuo business può essere complicato, la tua scelta sarà determinante per il tuo fatturato, quindi bisogna farla con criterio.

È un po’ come scegliere un partner per il resto della vita: finire in una relazione sbagliata e cambiare idea in un secondo momento può diventare un incubo!

Molte delle migliori piattaforme ecommerce hanno funzionalità e tariffe simili, perciò all’inizio può essere difficile individuare le differenze tra una o l'altra. 

E anche se riesci a identificarle, come fai a sapere davvero qual è la soluzione migliore per il tuo business?

Abbiamo scritto questo articolo per aiutarti a scoprirlo.

In questa guida parleremo degli aspetti essenziali di una piattaforma ecommerce, daremo un'occhiata ad alcune delle migliori attualmente disponibili sul mercato e scopriremo a chi o cosa sono più adatte.

Ma partiamo dalle le basi: cos'è una piattaforma ecommerce?

(Attenzione: oberlo.it è proprietà mediatica di Shopify inc. Sebbene ci sforziamo di pubblicare contenuti obiettivi, accurati e basati sui fatti, questo articolo potrebbe contenere opinioni di parte)

Piattaforme ecommerce, cosa sono?

Molti pensano alle piattaforme ecommerce come semplici web builder. In realtà, le migliori piattaforme ecommerce sono applicazioni software che permettono alle aziende di gestire i canali di vendita, le operazioni commerciali, il marketing, le vendite sia online che offline e molto altro ancora.

In pratica sono dei software in grado di creare, in pochi clic, un negozio online e di gestire l’intero business.

→Clicca qui per lanciare il tuo ecommerce in dropshipping con Shopify

Le piattaforme ecommerce, infatti, sono una specie di centro di comando di un’azienda. Ad esempio, Shopify permette di:

  • acquistare un nome di dominio e creare un sito ecommerce mobile-responsive;
  • personalizzare l'aspetto del sito con temi predefiniti (non è necessario essere un esperto di informatica!);
  • estendere le funzionalità del sito con applicazioni aggiuntive (come DSers che ti permette di importare prodotti da vendere in dropshipping con un solo clic);
  • vendere articoli fisici, prodotti digitali e servizi;
  • vendere attraverso i più popolari canali di vendita online e i social media, come Facebook Shop, Instagram, Google, Amazon e Walmart Marketplace;
  • promuovere le offerte con strumenti di digital marketing, sconti, promozioni come upselling e cross selling o per il Black Friday, carte regalo ecc;
  • vendere di persona tramite punto vendita integrato (POS);
  • elaborare gli acquisti online e offline utilizzando diversi gateway di pagamento;
  • elaborare ordini e rimborsi, gestire il magazzino e creare etichette di spedizione;
  • gestire grandi volumi di traffico e vendite;
  • tradurre il tuo sito in diverse lingue ed espandere le operazioni a livello internazionale;
  • automatizzare le tasse e la sicurezza online.

Come avrai intuito la parola chiave è “integrazione”. Le piattaforme ecommerce integrate offrono una serie di servizi e vantaggi, vediamo quali.

Piattaforme ecommerce integrate

pittaforme ecommerce integrate

Fino a qualche tempo fa per costruire un ecommerce bisognava rivolgersi ad uno sviluppatore di siti web e a un designer esperto che avessero una profonda conoscenza di codici e di programmazione.

Oggi, invece, è possibile utilizzare delle piattaforme ecommerce completamente integrate, con template semplici ed intuitivi che permettono di implementare numerose funzioni in un’unica piattaforma. Questo consente di ridurre non solo i tempi di creazione del sito ma anche quelli di gestione. Ad esempio consentono di integrare hosting, website builder e sistema di pagamento.

Inoltre, con i plugin (programmi che interagiscono con il sito per estenderne le funzionalità originarie), puoi migliorare le prestazioni dell’ecomerce o aggiungere elementi alle pagine, ottenendo un sito completo e affidabile per il cliente, oltre che sicuro e pratico per te.

Oggi quasi tutte le piattaforme digitali ecommerce offrono questi servizi che consentono di utilizzare diversamente il proprio tempo. In questo modo ci si può concentrare su altre attività produttive, come creare un business plan di successo o migliorare le tecniche per la propria crescita personale

Ecco perché esistono due tipi di ecommerce, hosted e self-hosted che ti permettono di scegliere il livello di complessità nella realizzazione del sito.

Due tipi di piattaforme ecommerce

Piattaforma hosted o self-hosted: quale adottare? La tua decisione avrà un impatto significativo sul tuo business, quindi pensaci bene.

Ma partiamo dall'inizio: cos'è l'hosting e cosa significa “hosted” e “self-hosted”?

Ogni sito è "ospitato" su un server fisico. Puoi pensare all'hosting di un sito come al terreno su cui si trova un negozio fisico. È qui che "vive" la tua piattaforma ecommerce.

Qual è la differenza tra i fornitori di piattaforme ecommerce con hosting e self-hosting?

1. Piattaforme ecommerce self-hosted

Una piattaforma self-hosted "affitta" lo spazio del server da un fornitore di terze parti. In questo caso devi acquistare l'hosting, installare la piattaforma ecommerce che hai scelto e poi occuparti della manutenzione tecnica del sito.

In altre parole, è un po' come affittare un pezzo di terra e poi costruirci sopra un negozio: sarai responsabile di ogni aspetto della sua realizzazione e della manutenzione.

Inoltre, anche qui avrai bisogno di fornitori per far funzionare il sito secondo le tue esigenze (esattamente come faresti con un negozio fisico). La maggior parte di questi strumenti non è gratuita; dovrai corrispondere delle tariffe mensili che, a seconda delle funzionalità di cui hai bisogno, possono accumularsi abbastanza rapidamente.

Ecco un esempio reale di come potresti configurare una piattaforma ecommerce self-hosted:

  1. acquista un nome di dominio e l'hosting da un fornitore terzo come BlueHost, GoDaddy, o SiteGround;
  2. installa e configura WordPress, un sistema di gestione dei contenuti open source che fornisce una struttura di base per il tuo sito;
  3. trova un tema per personalizzare l'aspetto del sito. Puoi scaricarne gratis o a pagamento da sviluppatori di terze parti su siti come Theme Forest;
  4. installa il plugin ecommerce WooCommerce;
  5. aggiungi i tuoi prodotti e inizia a vendere!

Con il self-hosting, il vantaggio principale è che tutto è personalizzabile: libertà e flessibilità totale.

Tuttavia le soluzioni self-hosted presentano anche molte complessità, richiedono competenze tecniche e responsabilità per problematiche come la gestione degli aggiornamenti, la manutenzione generale e la risoluzione dei bug.

Ecco perché il self-hosting può essere la scelta giusta se vuoi mantenere un controllo granulare su ogni aspetto della tua piattaforma ecommerce. Tieni però presente che devi avere le competenze tecniche adeguate o disporre di un budget per esternalizzare lo sviluppo e la manutenzione del sito a una terza parte.

2. Piattaforme ecommerce hosted

Le piattaforme ecommerce hosted riducono la complessità (e necessità) di creare e mantenere il tuo sito.

I fornitori "ospitati" sono una soluzione all-in-one, subito pronta all’uso: mettono a tua disposizione tutto ciò di cui hai bisogno in un unico strumento. In altre parole, non devi fare altro che iscriverti, accedere e iniziare a usare il tuo sito ecommerce.

Non devi avere competenze tecniche particolari per realizzare o mantenere il sito, tutti aspetti di cui invece si occupa il team di esperti della piattaforma.

Per rimanere in tema con le analogie che abbiamo usato fino ad ora, scegliere una piattaforma ecommerce hosted è un po' come affittare uno spazio in un centro commerciale: non devi costruire o mantenere una proprietà e, di conseguenza, puoi concentrarti su come far crescere il tuo business.

Detto questo, alcune soluzioni hosted ti consentono di personalizzare praticamente ogni aspetto del tuo sito e delle sue funzionalità. Ad esempio, nell'app store di Shopify trovi innumerevoli applicazioni ottimizzate e sviluppate apposta per integrarsi con il tuo negozio Shopify.

Ecco cosa devi fare per iniziare con la piattaforma ecommerce hosted di Shopify:

  1. crea un account su Shopify
  2. accedi 
  3. personalizza l'aspetto del tuo store
  4. aggiungi i tuoi prodotti e inizia a vendere!

In conclusione, le soluzioni hosted sono più adatte a chi preferisce concentrarsi sulla crescita del proprio business, lasciando gli aspetti tecnici della creazione e della gestione di una piattaforma ecommerce agli esperti.

Piattaforme di ecommerce e business online: vantaggi

piattaforme ecommerce vantaggi

Abbiamo già visto quali sono le caratteristiche più importanti di queste piattaforme, vediamo ora quali sono i vantaggi che offrono a chi vuole creare un business online.

  1. Economicità delle piattaforme ecommerce. Il primo grande vantaggio, oltre al fatto che sono semplici e accessibili a tutti, è l’economicità. Quasi tutte le piattaforme non sono molto costose, esistono dei servizi a pagamento che però non ti svuoteranno il portafoglio. Alcuni servizi premium potrebbero essere più costosi ma ti consentono di affidare l’intera gestione del sito a consulenti esperti. E questo ci porta al secondo vantaggio.
  2. La gestione delle piattaforme è delegabile. Il secondo vantaggio riguarda appunto la possibilità di lasciare in gestione tutta la parte relativa all’hosting, alla sicurezza del sito o agli aggiornamenti, per concentrarti solo sulla crescita del tuo store.
  3. Servizio clienti delle piattaforme. Il terzo vantaggio di queste piattaforme è rappresentato dal servizio clienti. Potrebbe esserci un blocco, un malfunzionamento del sito, o un bug, i casi possono essere molto diversi ed è per questo che è necessario un’assistenza clienti 24/7.
  4. Le piattaforme ecommerce offrono libertà di tempo e di spazio. È possibile creare store che restano online 24 al giorno, sette giorni su sette. Un grande vantaggio rispetto ai negozi fisici che devono rispettare orari fissi. Inoltre non sono legati ad alcun luogo fisico e potenzialmente potresti vendere in tutto il mondo. Questo offre un duplice vantaggio perché anche tu come imprenditore avresti libertà geografica e, volendo, potresti diventare un nomade digitale. Infine le piattaforme ecommerce possono essere integrate con i maggiori social media.
  5. Costi più bassi con i siti ecommerce. La libertà di poter esercitare questa professione ovunque, totalmente online, abbassa incredibilmente la spesa, il costo dell’ecommerce e quello della piattaforma sono piuttosto accessibili e sicuramente inferiori a quelli necessari per un negozio fisico.
  6. La gestione del magazzino (più semplice o totalmente assente). Con le piattaforme ecommerce la gestione del magazzino sarà sicuramente più semplice ma se decidi di creare un negozio online di dropshipping hai la possibilità di eliminarla completamente e di risparmiare tempo e denaro.
  7. Strategie di marketing. Rispetto a ciò che puoi fare con un negozio fisico lo store online ti permette di adottare delle strategie di marketing innovative ed estremamente mirate. Questo è possibile grazie alla lead generation, una raccolta di contatti (e informazioni) che puoi raccogliere nel tuo store per convertirli con il tempo in clienti. Questo non solo non è possibile in un negozio fisico (o è estremamente difficile), ma con la tua piattaforma ecommerce sarà tutto completamente automatizzato e tu non dovrai fare assolutamente nulla. A parte utilizzare le giuste strategie di marketing per attirare clienti come l’inbound marketing.

12 delle principali piattaforme ecommerce del 2022

Ora che abbiamo coperto le basi, diamo un'occhiata ad alcune delle migliori piattaforme ecommerce nel 2022.

1. Shopify

La piattaforma ecommerce più completa per avviare e far crescere un business di successo.

Shopify è tra le piattaforme ecommerce hosted più grandi e utilizzate nel mondo. Ha tutte le funzionalità di cui hai bisogno per iniziare a guadagnare online seriamente e trasformare un secondo lavoro in un business di successo(come la storia di Matteo Sargenti insegna).

Puoi vendere su tutti i principali canali di vendita, da Facebook ad Amazon, e ricevere assistenza tramite email e telefono quando hai un problema o non sai bene come muoverti. Inoltre puoi aggiungere al tuo store più di 6.000 app Shopify per potenziare la tua strategia di marketing, le vendite e le operazioni.

Ma non è finita qui: con Shopify POS puoi integrare le tue operazioni online e offline senza problemi o interruzioni.

La piattaforma ecommerce Shopify offre prezzi competitivi:

  • Shopify Basic: 29 € / mese
  • Shopify: 79 € / mese
  • Shopify Advanced: 299 € / mese
  • Shopify Plus: 2.000 € / mese
  • meno di 15 € / anno per un nome di dominio
  • Prova gratuita: 14 giorni

2. WooCommerce

La migliore piattaforma ecommerce per siti WordPress.

piattaforma ecommerce 2022 woocommerce

WooCommerce è la piattaforma ecommerce hosted più grande al mondo. 

In realtà si tratta di un plugin di WordPress piuttosto che di una piattaforma vera e propria. Ecco perché è ideale per chi ha già un sito WordPress e vuole iniziare a vendere.

WooCommerce è una piattaforma ecommerce open source, flessibile e particolarmente adatta a chi ha competenze tecniche di programmazione. Può integrarsi praticamente con qualsiasi servizio.

WooCommerce calcola i costi come segue:

  • 15 $ / anno per un nome di dominio
  • 120 $ / anno per l'hosting
  • 0-100 $ / anno per un tema
  • 0-108 $ / anno per i costi di gestione delle spedizioni
  • 0-30 $ / mese per un gateway di pagamento
  • 0-348 $ / anno per le comunicazioni 
  • 0-79 $ / anno per l'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)
  • 0-300 $ / anno per la sicurezza
  • 0-65 $ / anno per un certificato SSL

 

2. Magento 

Piattaforma ecommerce per grandi imprese con risorse tecniche importanti e la necessità di avere un sistema di controllo granulare sul sistema.

magento piattaforma ecommerce

Magento è una piattaforma ecommerce self-hosted popolare, adatta per le grandi imprese. 

È ideale per chi cerca un sistema flessibile e vuole avere il controllo completo su ogni aspetto della piattaforma. Tuttavia, Magento richiede anche competenze avanzate di programmazione.

Per saperne di più sui prezzi di Magento e ricevere un preventivo personalizzato dovrai contattare il reparto vendite dell’azienda.

4. Big Cartel

La migliore piattaforma ecommerce per le piccole imprese.

big cartel piattaforma ecommerce

Big Cartel è un web builder per siti ecommerce progettato per artisti e creator. 

Rispetto alle piattaforme ecommerce più popolari, come Shopify, offre funzionalità limitate. Ad esempio, puoi caricare solo 5 immagini per prodotto. 

Tuttavia, grazie al suo approccio minimalista, Big Cartel è molto intuitivo e facile da usare. E ovviamente dispone di tutte le funzioni essenziali: registrazione del dominio, template personalizzabili e strumenti di marketing di base.

Big Cartel calcola i suoi prezzi in base al numero di prodotti che vendi:

  • 5 prodotti: gratis (1 immagine per prodotto)
  • 50 prodotti: 9.99 $ / mese
  • 250 prodotti: 19.99 $ / mese
  • 500 prodotti: 29.99 $ / mese


5. Wix

La migliore piattaforma ecommerce per creare siti dal design moderno con funzionalità essenziali.

wix ecommerce

Wix è un web builder con editor drag-and-drop, popolare tra le piccole imprese nel settore creativo, ma offre anche le funzionalità essenziali di una piattaforma ecommerce: ad esempio la possibilità di accettare pagamenti online, vendere attraverso più canali, tracciare gli ordini e creare campagne per l'abbandono del carrello.

Tuttavia mancano molte funzioni che molti ecommerce considerano necessarie, come gli avvisi di esaurimento scorte.

Wix offre tre piani di pacchetti Business&Ecommerce:

  • Business Basic: 17 € / mese
  • Business Unlimited: 26 € / mese
  • Business VIP: 35€ / mese


6. BigCommerce

La migliore piattaforma ecommerce per imprese che utilizzano un numero elevato di integrazioni di terze parti.

big commerce piattaforma

Esattamente come Shopify, BigCartel e Wix, BigCommerce è una piattaforma ecommerce intuitiva e facile da usare.

Tuttavia, il mercato di riferimento principale di BigCommerce è costituito dalle grandi imprese. La homepage del sito è infatti dedicata alle “Enterprises”. Dovrai cliccare su "Essentials" per saperne di più sulle sue offerte per le piccole e medie imprese.

BigCommerce offre tutte le funzionalità essenziali che ti aspetteresti di trovare su una delle migliori piattaforme ecommerce nel 2022, come gli strumenti di marketing e la vendita multicanale sui social media e i marketplace di terze parti.

Inoltre BigCommerce vanta numerose partnership con altri servizi, che ne estendono le funzionalità. Ad esempio, si integra con cinque soluzioni POS. Tuttavia, questo significa che probabilmente dovrai gestire più integrazioni con servizi di terze parti man mano che il tuo business si espande.

BigCommerce offre tre piani tariffari:

  • Standard: 29.95 $ / mese
  • Plus: 79.95 $ / mese o 71.95 $ / mese se pagato annualmente
  • Pro: 299.95 $ / € mese o 269.96 $ / mese se pagato annualmente
  • Enterprise: prezzi personalizzati
  • Prova gratuita: 15 giorni

7. Squarespace

Miglior web builder drag-and-drop con funzionalità ecommerce.

squarespace piattaforma ecommerce

Squarespace è un web builder con editor drag-and-drop estremamente intuitivo che semplifica la creazione e manutenzione di siti web.

Esattamente come Wix, Squarespace è soprattutto un web builder e poi una piattaforma ecommerce. Per questo motivo, le sue funzionalità sono abbastanza limitate rispetto alle piattaforme ecommerce di cui abbiamo parlato fino ad ora.

Su Squarespace tuttavia trovi tutte le funzionalità più importanti di una piattaforma ecommerce. Inoltre, si integra con diversi servizi come Stripe, PayPal, FedEx e USPS.

Squarespace offre ai suoi utenti una prova gratuita di 14 giorni e ha tre piani ecommerce:

  • Business: 17 € / mese (risparmi il 30% pagando un anno in anticipo)
  • Basic Commerce: 24 € / mese (risparmi il 25% pagando un anno in anticipo)
  • Advanced Commerce: 36 € / mese (risparmi il 25% pagando un anno in anticipo)

8. Weebly

La piattaforma ecommerce semplice da utilizzare con funzionalità drag-and-drop.

weebly piattaforma ecommerce

Weebly è una piattaforma ecommerce che include numerosi strumenti per il lancio di un’attività online, non può considerarsi al livello di piattaforme più complesse come la concorrente Shopify ma per realizzare un piccolo ecommerce offre funzionalità sufficienti.

Grazie all’interfaccia user-friendly e al editor drag-and-drop è molto intuitiva e semplifica la creazione del sito.

La versione ecommerce richiede la sottoscrizione di un abbonamento, quelli disponibili sono tre ma la versione Pro prevede una percentuale piuttosto alta sulle transazioni. Quindi pur avendo un prezzo più basso, è probabilmente la meno conveniente. Ma vediamole tutte.

  • Pro: 15 € / mese (con fatturazione annuale 10€/mese)
  • Business: 28 € / mese (con fatturazione annuale 20€/mese)
  • Business Plus: 35 € / mese (con fatturazione annuale 30€/mese)

Piattaforme ecommerce open source

Se stai cercando una piattaforma ecommerce open source ecco un breve elenco delle migliori, ma prima lascia che ti faccia una premessa.

Le piattaforme open source sono quelle il cui codice sorgente è accessibile agli utenti, il che significa che è modificabile e personalizzabile. 

L’altra faccia della medaglia è che bisogna avere conoscenze tecniche per configurare il codice sorgente nell’hosting. Qui non si ha il servizio clienti al quale rivolgersi per eventuali bug o disservizi, ma una community di sviluppatori e utenti che possono aiutarti.

I software che vedremo sono tutti gratuiti e rappresentano quindi una soluzione perfetta se non hai molti fondi da investire nel tuo progetto ecommerce. Ma è davvero così conveniente? 

In realtà le piattaforme open source sono più adatte alle piccole e medie aziende che sono già in espansione e che hanno abbastanza fondi per assumere uno sviluppatore in grado di gestire il sito. 

Se non ti riconosci in questa tipologia (o non ancora) e se non sei in grado di farlo da solo, allora il mio consiglio è scegliere uno dei software che abbiamo visto in precedenza, del tipo di Shopify, Wix o Squarespace.

E adesso vediamo quali sono.

La prima in realtà l'abbiamo già incontrata: si tratta di WooCommerce.

L’abbiamo già vista in precedenza ed è tra le migliori piattaforme ecommerce open source presenti in rete. In realtà è un plugin per Wordpress, ma con questo sarai in grado di trasformare qualsiasi sito internet realizzato con Wordpress in un ecommerce.

9. Prestashop 

prestashop piattaforma ecommerce opensource

Prestashop è tra le più diffuse piattaforme ecommerce in Italia grazie alla sua semplicità di utilizzo nonostante sia un open source. Ha un’interfaccia facile da gestire e si presenta in 75 lingue diverse, compreso il sistema di back office.

Possiede 4500 template diversi ma comunque è una piattaforma leggera che può essere utilizzata anche su pc non di ultima generazione. Può essere considerata una via di mezzo tra Magento versione Commerce e Shopify, questo significa che presenta la stessa personalizzazione di una piattaforma open source come Magento ma la semplicità di un SaaS come Shopify. Chiaramente sono sempre necessarie delle conoscenze di informatica di base.

10. OpenCart

opencart piattaforma ecommerce opensource

Opencart ti permette di gestire i tuoi prodotti dal magazzino alla vendita, è un software completo con costi di avvio bassi e il download e alcuni temi sono gratuiti. Tuttavia per far crescere e rinnovare il sito i nuovi moduli possono costare anche intorno ai 300 €.

È abbastanza semplice da utilizzare ma è consigliabile per le piccole aziende.

11. Magento open source

magento open source ecommerce

Magento ha due versioni, quella open source e quella Commerce. Nel nostro caso la versione open source è piuttosto avanzata ed è necessaria un’ottima formazione come sviluppatore. Per questo motivo è consigliabile alle aziende già avviate che hanno sufficienti fondi da investire in programmazione e manutenzione. Di buono c’è che Magento è una piattaforma ecommerce in grado di gestire migliaia di prodotti.

12. OsCommerce

oscommerce piattaforme ecommerce

OsCommerce è un open source completo, permette di gestire i prodotti, le vendite, il catalogo e la community di utenti è sempre pronta a dare consigli per i problemi che possono verificarsi. 

Tra questi c’è sicuramente la probabilità che si rallenti quando il volume d’affari aumenta.

Ecco perché è adatta a chi, pur avendo conoscenze di programmazione, è ancora agli inizi e vuole creare un piccolo store prima di passare ad altre piattaforme. 

Confronto tra piattaforme ecommerce

Se ti va di approfondire abbiamo fatto qualche confronto tra piattaforme ecommerce, ad esempio Shopify vs Prestashop, oppure Shopify e WooCommerce: troverai moltissime informazioni interessanti che ti aiuteranno a scegliere quale piattaforma usare per vendere online.

Statistiche piattaforme ecommerce

Si è parlato molto del grande boom che hanno avuto le statistiche degli ecommerce, già in continua espansione, durante la pandemia. La cosa importante è che questa tendenza non si è fermata nemmeno quando le restrizioni sono diminuite ed è stato possibile riprendere ad acquistare nei negozi fisici.

Vediamo un po’ di numeri che ci aiuteranno ad avere un’idea più completa di quanto stia prendendo piede l’ecommerce e, di conseguenza, quanto sia importante scegliere la giusta piattaforma.

  • Secondo alcune ricerche effettuate da Nasdaq entro il 2040 il 95% degli acquisti sarà facilitato dall’ecommerce.
  • Hubspot ha rilevato che l’80% degli intervistati ha smesso di fare affari con un’azienda perché insoddisfatti del servizio clienti. Di qui l’importanza di una piattaforma che permetta di gestire al meglio il proprio ecommerce.
  • Una ricerca Nielsen ha stimato che entro il 2022 per i beni di largo consumo, le vendite globali di ecommerce supereranno i 400 miliardi di dollari. Inutile dire quanto sia importante farsi trovare preparati con un ecommerce ben costruito e strutturato.
  • Statista ha calcolato che gli italiani che utilizzano ecommerce sono 38 milioni (il 62% della popolazione) e ha stimato che nel 2023 raggiungeranno i 41 milioni. Anche l’Italia, quindi segue questa tendenza.

Vediamo ora qualche statistica relativa alle piattaforme ecommerce. Datanyze ha elaborato una classifica delle piattaforme ecommerce in base alla quota di mercato globale, cioè la percentuale di vendite nel mondo. Ecco le prime 10.

statistiche piattaforme ecommerce

In realtà queste statistiche sono sempre relative perché devi considerare sempre i mercati di cui si parla. In questo caso ad esempio si tratta del mercato globale ma, nelle statistiche relative solo agli Stati Uniti, ad esempio, la piattaforma ecommerce Shopify è posizionata al primo posto, mentre in Italia è ancora un po’ indietro.

Infine, se sei un amante dei numeri e vuoi approfondire, dai un’occhiata a queste statistiche sullo shopping online che abbiamo pubblicato.

Piattaforme ecommerce quale scegliere: conclusioni

In definitiva, qual è la migliore piattaforma ecommerce? Come sempre in questi casi la risposta è: dipende. 

In questo articolo abbiamo visto quali sono le piattaforme ecommerce e abbiamo provato a dare una risposta completa che ti permetta di fare le giuste valutazioni prima di acquistare un software.

Scegliere una piattaforma ecommerce per il tuo business può sembrare complicato ma, se hai letto tutta questa guida fino in fondo, dovresti avere le idee un po' più chiare.

Se ti stavi chiedendo come creare un ecommerce gratis, a questo punto avrai capito che farlo in maniera totalmente gratuita non è possibile.
(Purtroppo nulla è gratis a questo mondo e ciò che lo è spesso è di bassa qualità). 

Ma avrai notato anche che con un’attenta analisi dei tuoi obiettivi e selezionando la piattaforma adatta alle tue esigenze, potrai ottenere grandi risultati con una spesa minima, utilizzando, però, software di qualità.

In sintesi, ecco l’elenco delle piattaforme ecommerce gratuite e a pagamento per il tuo business nel 2022:

  1. Shopify: la piattaforma ecommerce più completa per avviare e far crescere un business di successo.
  2. WooCommerce: la migliore piattaforma ecommerce per siti WordPress.
  3. Magento: piattaforma ecommerce per grandi imprese con risorse tecniche importanti e la necessità di avere un sistema di controllo granulare sul sistema.
  4. Big Cartel: la migliore piattaforma ecommerce per le piccole imprese.
  5. Wix: la migliore piattaforma ecommerce per creare siti dal design piacevole e moderno con funzionalità essenziali.
  6. BigCommerce: la migliore piattaforma ecommerce per imprese che utilizzano un numero elevato di integrazioni di terze parti.
  7. Squarespace: miglior web builder drag-and-drop con funzionalità ecommerce.
  8. Weebly: la piattaforma ecommerce semplice da utilizzare con funzionalità drag-and-drop.
  9. Prestashop: l’open source semplice da utilizzare.
  10. OpenCart: l’open source adatto alle piccole aziende.
  11. Magento open source: la piattaforma ecommerce open source complessa ma completa.
  12. OsCommerce: la piattaforma open source adatta ai piccoli store.

Tieni anche presente i due tipi principali di piattaforme ecommerce: hosted e self-hosted. 

Se hai le conoscenze e competenze tecniche giuste, oppure le risorse adeguate, con una piattaforma self-hosted come WooCommerce hai il massimo controllo. D'altra parte, se preferisci concentrarti sulla crescita del tuo business, una piattaforma ecommerce hosted come Shopify può fare al caso tuo.

Quale di queste piattaforme ecommerce online ti interessa di più e perché? Raccontacelo nei commenti!

Inizia a vendere online con Shopify

Avvia la prova gratuita

Ti potrebbero interessare anche

Traduzione a cura di: Martina Russo

Correlato