Se hai un ecommerce e ancora non stai utilizzando il servizio Google Ads che ti permette di far crescere la tua attività e di trovare nuovi clienti grazie alle pubblicità su siti e motori di ricerca, ti stai perdendo qualcosa di straordinario.

Non aspettare oltre, dopo aver letto questo articolo inizierai di sicuro a utilizzarlo con successo!

Ma cos’è Google Ads, e come funziona esattamente?

Scopri migliaia di prodotti da vendere online. Carta di credito non necessaria, zero rischi.

Inizia gratis

Google Ads è stato lanciato poco dopo che Google.com è diventato il sito web più famoso del mondo. Nel 2000, infatti, il colosso americano ha annunciato il suo servizio di pubblicità a pagamento Google Adwords, che è stato rinominato Google Ads nel 2018.

Google Ads o Google Adwords sono dunque la stessa cosa, o meglio il primo è il nuovo brand che include tutto ciò che c'era prima.

Ma cos'è Google Ads, quindi?

Semplicemente si tratta della rete di annunci pubblicitari a pagamento ospitati sui canali Google: dalla pagina dei risultati di ricercsa (SERP) ai siti web che acconsentono a mostrare le ads della piattaforma, da YouTube a Gmail, e così via.

Essendo Google il gigante che è, si tratta di un sistema di advertising poliedrico, completo, affidabile e relativamente semplice da utilizzare, come vedremo in questa guida.

google ads

Google Ads è una piattaforma a pagamento che rientra nella categoria di marketing del “pay-per-click”, tradotto letteralmente dall’inglese in “pagamento-per-clic”.

Si tratta essenzialmente di questo: l’inserzionista, ovvero chi pubblica l’annuncio (appunto, l’ad) paga per ogni clic o per ogni impression ricevuta dall’ad.

Ma nel concreto, come si fa?

Dire che si tratta di una piattaforma di PPC (pay-per-click) non è certo abbastanza per capire questo servizio.

Prima di tutto, per capire il funzionamento di Google Ads, è necessario scoprire a cosa serve Google Ads.

Google Ads è un modo estremamente efficace per portare traffico di qualità e interessato al tuo business. Il traffico che arriverà sul tuo sito web grazie a questa piattaforma sarà formato da potenziali clienti che sono già alla ricerca di prodotti e servizi simili a quelli offerti dal tuo ecommerce.

Grazie a Google Ads potrai quindi aumentare il traffico del tuo sito, ricevere un numero più elevato di potenziali clienti e aumentare le visite al tuo negozio fisico, se ne dovessi avere uno.

Ma per comprendere meglio cosa Google Ads può fare per il tuo business, dobbiamo addentrarci negli aspetti tecnici e nelle diverse opzioni che la piattaforma mette a disposizione degli inserzionisti.

Dove appaiono le Ads Google?

Se pensi a Google pensi al celebre motore di ricerca, giusto? E in effetti uno dei posizionamenti possibili con Google Ads è proprio tra i famosi risultati.

Ma non è l'unica possibilità, anzi.

Le Ads Google appaiono su:

  • Rete Search: visualizzati in alto o in basso nella SERP, preceduti dal disclaimer Annuncio, si presentano in tutto e per tutto come dei risultati di ricerca organici, tranne per il fatto che possono avere vari elementi aggiuntivi che vedremo a breve.
    • Annunci Shopping: sono una tipologia speciale di Google Ads per la rete Search, che appaiono sia in un'apposita tab "Google Shopping" nel motore di ricerca, sia in una striscia in evidenza in alto prima dei risultati organici.

annunci google ads search

  • Rete Display: posizionati sotto forma di banner grafici e/o testuali, si trovano sui milioni e milioni di siti web che fanno parte della rete di partner che acconsentono a mostrare annunci pubblicitari con Google Ads.
    • Annunci Gmail, ovvero una tipologia speciale di annunci che appare su Gmail come una mail, sono espandibili e interattivi e si trovano nella cartella Promozioni e Social.

annunci google ads shopping

  • Infine ci sono gli annunci video per YouTube, smart TV e altri formati video.
  • Inoltre è possibile scegliere di combinare diversi formati utilizzando le Campagne Intelligenti o le Discovery.

I vari tipi di campagna Google Ads

I vari tipi di campagna Google Ads tra cui è possibile scegliere dipendono dagli obiettivi che ci si pone di raggiungere:

  • Brand awareness e notorietà: far conoscere l'azienda a più persone possibili in target;
  • Considerazione del brand: scatenare il ricordo del brand al momento di valutare l'acquisto.
  • Traffico: l'obiettivo è di portare l'utente sulla landing page.
  • Lead generation: si paga quando è raggiunto l'obiettivo di un'acquisizione contatto.
  • Vendita: la conversione è l'acquisto di un prodotto.
  • Promozione di App: si promuove il dowload di un'app.
  • Visite ai negozi locali: per le pagine locali presenti su Google My Business.

Da tutte queste scelte dipenderanno anche il costo delle Ads su Google, le metriche da considerare per valutare il successo, e molti altri aspetti che vedremo insieme.

google ads annunci

I vantaggi di usare Google Ads

Il vantaggio principale di utilizzare Google Ads per il tuo ecommerce è che quando le persone si rivolgono a Google, stanno cercando qualcosa di specifico.

Nel caso dell’ecommerce, vuol dire che hanno già l’intenzione di acquistare, e sono quindi già entrati nel funnel di vendita. Stanno attivamente cercando un prodotto o servizio da acquistare.

E stanno letteralmente dicendo a Google esattamente che tipo di prodotto o servizio, digitando le parole chiave relative nella barra di ricerca.

Ecco perché Google Ads è uno strumento così potente per gli ecommerce. Anche se il tuo ecommerce non dovesse riucire a classificarsi tra i primi risultati di Google organicamente, grazie ai tuoi sforzi in materia di SEO, grazie a Google Ads tutti gli utenti di Google che sono alla ricerca di un prodotto o servizio che rispecchi il tuo ecommerce, visualizzeranno il tuo sito nella loro SERP.

tipo di annuncio

Ma i vantaggi di fare pubblicità su Google non finiscono qui:

  • Controllo sul budget: con Google Ads potrai sempre scegliere il budget giornaliero o totale da dedicare a una campagna in base a quelli che sono i tuoi KPI e soprattutto gli obiettivi che intendi raggiungere.
  • Velocità dei risultati: è molto facile testare e implementare campagne su Google Ads perché i risultati si vedono in tempo reale o quasi, ed è possibile aggiornare facilmente le proprie strategie.
  • Attinenza del target: sia che tu scelga la rete Search che la Display, le persone che vedranno i tuoi annunci saranno assolutamente in target: sono utenti che hanno digitato le keyword relative al tuo prodotto/servizio o comunque si sono dimostrati attivamente interessati a qualcosa di simile.

La differenza principale tra Google Ads e le inserzioni su Facebook o la pubblicità su Instagram sta proprio nel fatto che con Google Ads stai mostrando il tuo annuncio a persone già interessate al tipo di prodotti o servizi che vendi sul tuo ecommerce.

Al contrario, con un’inserzione Facebook il tuo annuncio comparirà nel feed di un target di persone che potrebbe includere potenziali clienti del tuo ecommerce, ma che non stanno attivamente cercando di acquistare il tuo prodotto o servizio.

Per Facebook, quindi, dovrai utilizzare diverse strategie di marketing per attirare le persone che visualizzano il tuo annuncio all’interno del tuo funnel di vendita e, di conseguenza, del tuo sito web.

Quanto costa Google Ads?

La buona notizia è che il costo degli ads su Google dipende interamente dal tuo budget, da quanto vuoi o puoi investire e dagli obiettivi che ti sei prefissato.

Essendo una piattaforma PPC, il costo di ogni annuncio è legato ai clic effettivi, o comunque a quello che hai impostato come azione o obiettivo.

Google Ads ti offre infatti diverse opzioni di offerta per i tuoi annunci, in base a quali sono gli obiettivi per il tuo ecommerce.

Ad esempio, se sul tuo ecommerce vendi un accessorio per i ciclisti, probabilmente il tuo obiettivo principale sarà far arrivare sul tuo negozio il maggior numero di persone possibili. Se invece dovessi gestire un club di escursioni in bici, potresti voler aumentare il numero di iscritti alla tua mailing list.

Ecco quindi quali sono le offerte disponibili, in base alle quali potrai creare una campagna su Google Ads.

Costo per clic (CPC)

Se sceglierai di pagare per clic, pagherai solo per i clic ricevuti dai tuoi annunci.

Dovrai impostare un CPC massimo, che rappresenta il costo massimo che ti verrà addebitato per un clic, e ogni volta che qualcuno cliccherà sul tuo annuncio sarai sicuro che quel clic non ti costerà mai più del CPC massimo che hai impostato.

Potrai scegliere inoltre tra offerta manuale e offerta automatica. Con l’offerta manuale sarai tu a scegliere gli importi delle offerte, mentre se sceglierai l’offerta automatica Google imposterà le offerte per farti ottenere il numero massimo di clic, sempre secondo il tuo budget.

Puoi calcolare l’importo medio che dovrai pagare per un clic sul tuo annuncio dividendo il costo totale dei clic per il numero totale di clic.

Ad esempio, se il tuo annuncio riceve due clic, uno al costo di 0,20€ e uno al costo di 0,40€, il tuo CPC medio sarà 0,30€, calcolato dividendo 0,60€ (il costo totale dei clic) per 2 (il numero totale dei clic).

Grazie allo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google, potrai calcolare l’importo medio che ti potrebbe essere addebitato per ogni clic.

Costo per Impression

Se l’obiettivo della tua campagna Google Ads è di aumentare la visibilità del tuo ecommerce, puoi scegliere di dare priorità alle impressioni (ovvero il numero totale di visualizzazioni) invece che ai clic.

In questo modo, Google imposterà le tue offerte in modo da raggiungere il tuo obiettivo di impressioni.

Ad esempio, se scegli una quota impressioni del 65% nella parte più in alto della pagina, Google farà sì che i tuoi annunci siano visualizzati nella parte più in alto della SERP nel 65% dei casi.

Di conseguenza, pagherai in base al numero di volte in cui il tuo annuncio sarà pubblicato in modo visibile, e pagherai ogni 1000 volte che il tuo annuncio comparirà come visualizzabile dagli utenti di Google.

Costo per azione (CPA)

Se il tuo obiettivo principale è aumentare il tasso di conversione del tuo ecommerce, puoi scegliere di dare priorità alle conversioni.

Su Google Ads, una conversione è una qualunque azione che desideri sia realizzata sul tuo sito web. Può essere un acquisto, ma anche l’iscrizione alla newsletter o altro ancora.

Pagherai comunque per clic ricevuto, ma dando priorità alle conversioni Google imposterà le tue offerte in modo da realizzare il numero maggiore possibile di acquisizioni, sempre in base al costo per azione dettato dal tuo budget.

Questo tipo di offerta è leggermente più avanzata, e per controllare il corretto andamento di questa campagna Google Ads è necessario anche utilizzare il Monitoraggio delle conversioni, ovvero uno strumento gratuito che ti aiuta a capire quali annunci sono più efficaci per il tuo ecommerce e in che misura i clic sui tuoi annunci stanno generando le azioni per te significative.

Costo per visualizzazioni

Quest’ultimo tipo di offerta riguarda solo gli annunci video.

Se il tuo obiettivo principale è monitorare il livello di interazione dei tuoi contenuti, puoi scegliere di dare priorità alle visualizzazioni.

Con questa offerta pagherai solo le visualizzazioni del tuo video e le azioni che gli utenti effettueranno sul tuo video, come i clic sulle schede o sui banner.

Quanto costa fare pubblicità con Google? Dipende dal sistema di aste 

Quanto sopra determinerà la tua bidding strategy, ovvero la tua strategia di offerta per la campagna.

Ma concretamente, visto che non sarai probabilmente l'unico a volerti posizionare per una determinata parola chiave e che le posizioni a pagamento sono poche (solitamente 2-4), come fa Google a decidere chi posizionare in risposta a una data ricerca/in una certa posizione?

Semplice: attraverso il sistema ad aste che l'algoritmo effettua in pochi millesimi di secondi in base al ranking dell'annuncio che è stato predeterminato.

Proprio come in una qualsiasi asta, vincerà il migliore offerente, quindi aver impostato un CPA (costo per azione) massimo non troppo basso è importante.

Ma non solo, perché ci sono altri fattori che influenzano il risultato dell'asta. La posizione che otterrai e il prezzo che pagherai dipendono infatti dal ranking dell'annuncio, che a sua volta è influenzato da 6 fattori:

  • La tua offerta: l'importo massimo che intendi pagare per un clic sul tuo annuncio. 
  • La qualità dei tuoi annunci e della pagina di destinazione: Google Ads tiene conto anche della pertinenza e dell'utilità del tuo annuncio e del sito web a cui rimanda rispetto alla persona che vedrà l'annuncio (valutazione racchiusa nel fantomatico punteggio di qualità, un numero che puoi monitorare e cercare di migliorare nel tuo account Google Ads).
  • Le soglie di ranking dell'annuncio: sono previste soglie qualitative minime che l'annuncio deve soddisfare per essere mostrato.
  • La competitività di un'asta: keyword molto competitive hanno tendenzialmente un CPA minimo maggiore.
  • Il contesto di ricerca dell'utente: vengono esaminati i termini di ricerca inseriti dall'utente, la posizione geografica al momento della ricerca, il tipo di dispositivo utilizzato (ad esempio, mobile o desktop), l'orario di ricerca, la natura dei termini di ricerca, gli altri annunci e risultati di ricerca visualizzati sulla pagina e ulteriori attributi e indicatori dell'utente.
  • L'impatto previsto delle estensioni annuncio e di altri formati di annuncio: quando crei il tuo annuncio, hai la possibilità di aggiungervi informazioni supplementari, come il numero di telefono o altri link a pagine specifiche del tuo sito (estensioni) che hanno un impatto sull'esperienza utente che il tuo annuncio offre e quindi sul ranking finale.

estensioni google ads

Fonte: Google

Come usare Google Ads

Come hai capito, Google Ads ti permette di creare e condividere delle inserzioni, sia su desktop che su mobile, che saranno visualizzate dal tuo mercato di riferimento su canali differenti.

Sono opportunità straordinarie di farsi trovare dal pubblico più adatto per effettuare la conversione che ti sei posto come obiettivo.

Ma come si fa? Cosa posso fare con Google Ads? Come posso creare annunci di successo?

Di seguito vedremo nello specifico come iscriversi a Google Ads e come creare una campagna su questa piattaforma.

Come iscriversi a Google Ads?

come iscriversi a google ads

Iscriversi e utilizzare Google Ads è estremamente intuitivo.

L'unico requisito è avere un indirizzo di posta elettronica Gmail. Per creare il profilo nella piattaforma Google Ads basta cliccare sul seguente link: https://ads.google.com/intl/it_it/home/

Basterà inserire Paese, fuso orario, valuta, poi compilare con i nostri dati personali, accettare i termini e le condizioni e infine verificare l’indirizzo email

Quando l’account Google Ads sarà attivo si potranno inserire i dati di fatturazione nel menu con l’icona a forma di ingranaggio.

Bene: siamo pronti a creare la nostra prima campagna Google Ads!

Come creare una campagna su Google Ads passo passo

Nel primo passaggio dovrai decidere quale sarà l'obiettivo principale dei tuoi annunci Google Ads, in base a quanto abbiamo visto prima.

obiettivo nuova campagna google ads

Il secondo step sarà appunto scegliere dove far apparire i propri annunci:

annunci google ads

Da qui le opzioni guidate di scelta differiranno a seconda delle impostazioni scelte, ma in generale nella schermata successiva sarà possibile impostare tutti i parametri visti sopra:

  • località;
  • lingue;
  • segmenti di pubblico;
  • budget;
  • strategia di offerta;
  • estensioni dell'annuncio.

creare campagna google ads

I passi successivi saranno la creazione dei gruppi di annunci, delle creatività (testi e/o grafiche a seconda del tipo di posizionamento scelto), e infine l'analisi del risultato ottenuto.

annuncio su google

 limite budget

Il tuo annuncio (o annunci, se hai scelto di crearne più di uno) verranno mostrati agli utenti di Google quando cercheranno servizi o prodotti simili a quelli descritti nella tua campagna e sul tuo sito.

La campagna Google Ads non funziona? Ecco cosa fare

Ci sono diversi motivi per cui la tua campagna Google Ads potrebbe non ottenere i risultati sperati.

Alcune delle cause più comuni sono:

  1. Parole chiave troppo vaghe
    Le parole chiave per le quali ottimizzi la tua campagna devono essere il più specifiche possibile, o rischi che Google mostri il tuo annuncio al pubblico sbagliato, il che si traduce in un numero inferiore di clic e un costo più elevato. O peggio, di essere penalizzato a livello dell'importantissimo Quality Score! Non smettere mai di monitorare i progressi delle tue campagne e prova parole chiave diverse, finché non troverai quelle più adatte al tuo business.
  2. Annunci irrilevanti
    Se il tuo annuncio non corrisponde alla ricerca degli utenti, non riceverai abbastanza clic da giustificare il costo dell’ad. L’intestazione e la descrizione del tuo annuncio devono corrispondere alle parole chiave che stai utilizzando, e dovrebbero anche far capire all’utente che cliccando sul tuo annuncio troverà la soluzione al suo problema o risposta alla sua domanda.
  3. Landing page non ottimizzata
    Non sono solo gli annunci a dover essere efficaci. Cosa vedono i tuoi potenziali clienti, una volta che hanno cliccato sul tuo link? Se la tua landing page non è ottimizzata, ovvero non utilizza le stesse parole chiave, o il tuo link rimanda a qualcosa di completamente diverso rispetto all’annuncio, l’utente si sentirà smarrito (o peggio, preso in giro) e abbandonerà il tuo sito web senza effettuare alcuna azione. Questa informazione servirà a Google per valutare negativamente il tuo annuncio e limitare le sue performance.
  4. Basso punteggio di qualità
    Il punteggio di qualità è la stima della qualità del tuo sito, degli annunci e delle parole chiave che hai scelto. Più è elevata la qualità, più basso sarà il tuo costo e più in alto arriveranno i tuoi annunci Google Ads. In pratica, è una stima che Google fa del tuo rendimento. Puoi migliorare il tuo punteggio migliorando le parole chiave, il testo del tuo annuncio e l’esperienza dell’utente sul tuo sito.

Hai ancora problemi? Non riesci a capire cosa fare di diverso? I tuoi annunci su Google Ads proprio non funzionano?

Non ti rimane altro che...telefonare!

Come parlare con l'assistenza Google Ads

Eh sì, Google ha messo a disposizione un servizio di supporto agli inserzionisti che permette a tutti di impostare le proprie campagne a costo zero con l'aiuto di un professionista, un vero Google Ads Specialist.

Basta chiamare il numero  800 694 113.

assistenza google ads

Conclusione

Google Ads è uno strumento estremamente potente quando si tratta di aumentare vendite e traffico del tuo sito web.

Tuttavia, non è una formula magica, non basta spendere soldi su Google Ads per assicurarti il successo del tuo business. Al contrario, come abbiamo detto saranno necessarie diversi tentativi prima di trovare il tipo di annuncio perfetto per te.

Ma con un po’ di pazienza, siamo sicuri che riuscirai a creare delle campagne formidabili per il tuo business, sia che tu abbia un negozio fisico, sia che tu stia gestendo il tuo ecommerce con il dropshipping.

Hai già utilizzato Google Ads? Com’è stata la tua esperienza? Faccelo sapere nei commenti qui sotto!

Ti potrebbero interessare anche: