18 errori da evitare per avere successo con il dropshipping

Quali sono gli errori da evitare nel business? Ci hai mai pensato? Certo, il successo è bello, stimolante e così via, ma che dire dei fallimenti? A volte è bello sapere che non siamo i soli a faticare nel processo di avvio di un business.

E non sono solo i giovani imprenditori a commettere degli errori. Basta scavare abbastanza in profondità per scoprire che dietro le macchine veloci, gli orologi costosi, e l’atteggiamento di chi ha tutto sotto controllo di molti imprenditori di successo, ci sono in realtà diversi errori comuni in cui può incorrere chiunque.

In questo articolo andremo a vedere proprio quali sono questi fallimenti ed errori comuni. Abbiamo chiesto a 18 imprenditori di successo di condividere le loro storie di fallimenti e rivincite. Da migliaia di euro spesi in inserzioni Facebook con un link errato a problemi con i fornitori.

Scoprirai che fare errori nel business non è un problema che riguarda solo te, e magari troverai la giusta ispirazione per capire come non far fallire un’azienda!

Birra + inserzioni Facebook = 😬

errori da evitare

Errori delle aziende sui social? Ne sa qualcosa Chris Wane, che oggi è un esperto di Facebook ads. Ma quando era appena agli inizi, l’eccessiva fiducia in se stesso e l’alcol (“la causa e la soluzione di tutti i problemi della vita”) hanno formato la combinazione perfetta per un fallimento epocale. Ecco cosa è successo.

Non molto tempo dopo aver iniziato a fare un discreto profitto, ma prima di capire veramente a fondo come funzionassero le inserzioni su Facebook, ho deciso di lanciare un prodotto nuovo di zecca come prima cosa un sabato mattina. Avevo impostato un budget di 50x 50 sterline al giorno, quindi spendevo un totale di 2.500 sterline al giorno in una fase di test. Che scemo!

Il mio pensiero alla base è stato: “So quello che sto facendo, questo prodotto sarà un successo. Ho solo bisogno di spendere di più e guadagnerò di più”. Quanto mi sbagliavo…

A peggiorare le cose, avevo passato tutto il giorno a sbronzarmi per il compleanno di un amico, quindi il mio piano era solo di controllare ogni tanto per assicurarmi che andasse tutto bene e se così non fosse avrei semplicemente disattivato gli annunci, niente di che!

Il problema era che mi sono lasciato talmente trasportare dalla giornata (c’era un sacco di birra), e ho completamente dimenticato di controllare i miei annunci. Il giorno dopo, quando mi sono svegliato con i postumi della sbornia e mi sono reso conto che non avevo controllato il conto mi sono sentito male.

In totale avevo speso più di 3.100 sterline in annunci e avevo fatto solo 10 vendite… una perdita di oltre 2.900 sterline.

Ho imparato in fretta che spendere di più non sempre equivale a guadagnare di più. Per fortuna avevo altri prodotti che erano redditizi, ma mi sono scottato, e non poco!

Morale della storia: non lanciare campagne costose se hai intenzione di ubriacarti. 

Non ti chiudere in una nicchia 

errori da evitare nel dropshipping

Gli errori servono per imparare: ne sa qualcosa Harry Coleman. Oggi, il suo successo è leggendario, tanto che lui stesso si fa chiamare “la bestia dell’ecommerce”. All’inizio del suo business, però, si è trovato anche lui in una situazione che suonerà familiare a molti dropshipper. Ecco cos’è successo e come ha fatto a uscirne. 

Il mio più grande fallimento nel dropshipping è stato con il mio primo negozio online. Era un negozio di nicchia – vendevo prodotti per le unghie, ed era un sito web completamente rosa. Ero davvero bloccata dal tipo di prodotti che potevo vendere. Così ho speso 800 dollari in pubblicità, e ho portato a casa una sola vendita. Ma era un negozio così di nicchia che non potevo testare altri prodotti. Così ho chiuso il mio negozio e ho aperto un negozio online di articoli generici.

Quindi quello che ho imparato è che se posso scegliere, sceglierò sempre la strada di un negozio più generico. Questo mi permette di non limitarmi con i prodotti da testare, evitando di essere bloccato all’interno di una nicchia dalla quale è impossibile uscire.

A volte è meglio non fidarsi del proprio istinto

errori dropshipping

Come molti imprenditori di successo, Yuanda Wang è un tipo molto logico. Si avvicina al suo business con pensieri razionali, valutando attentamente i dati prima di prendere una decisione. Ma non è sempre stato così. Ha dovuto imparare nel modo più duro che i suoi istinti non sono sempre giusti.

Se penso agli errori da evitare, il mio errore più memorabile è stato quello di essere troppo avido e di non seguire i numeri. Ho deciso di fare una collaborazione con una grande pagina di meme, anche se i loro numeri indicavano che non sarebbe stata una collaborazione redditizia. Il profilo aveva un sacco di follower, credo fossero circa 10 milioni. Mi hanno fatto pagare 1.500 dollari per un post e quel post ha portato a soli 800 dollari di entrate lorde. Il che voleva dire che avevo perso un sacco di soldi dopo aver contato il costo dei beni venduti e tutti i miei onorari.

Ho imparato che non bisogna affidarsi all’intuizione per gli affari, bisogna sempre ascoltare i dati. Se i numeri si allineano con l’idea, allora procedi, sia che si tratti di uno shoutout o anche di decidere se vendere un prodotto. Il tuo intuito può aiutarti in altre situazioni, ma non in questo tipo di decisioni di business.

Uno spaventoso errore di spedizione

errori di dropshipping

Errori durante la spedizione di un prodotto? Eccone un esempio.

Per il suo primo negozio, la giovane imprenditrice Allanah ha deciso di capitalizzare la stagione più spaventosa con un negozio di Halloween. Era ancora emozionata dalla sua prima vendita, quando un cliente le ha inviato un messaggio chiedendole di un anello che aveva visto pubblicizzato. A proposito di errori da evitare, quello che è successo è una lezione per tutti gli imprenditori di dropshipping, ed è uno dei problemi dei piccoli imprenditori che può capitare a chiunque. 

Mi sono resa conto che mentre stavo costruendo il mio negozio, avevo creato un nuovo profilo di spedizione per stabilire la spedizione gratuita negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda. In quel momento avevo importato alcuni prodotti nel mio negozio, ma non tutti. Così, mentre i prodotti esistenti nel mio negozio sono stati aggiunti a questo profilo di spedizione, tutti i nuovi prodotti che ho importato – come l’anello – sono stati inseriti nel profilo generale.
E, stupidamente, non avevo impostato alcuna tariffa per il profilo generale, quindi si presumeva che non avremmo spedito quei prodotti da nessuna parte.

Questo significava che i potenziali acquirenti potevano aggiungere l’articolo al carrello e compilare le loro informazioni, scegliendo anche in quale dei cinque paesi volevano spedire. Tuttavia, nella fase successiva – la sezione spedizioni – veniva detto loro che la spedizione non era offerta.

Ho risolto il problema e ho trasmesso le informazioni all’utente di Instagram, che ha poi effettuato un ordine. Ovviamente, è stato un bene portare a termine la vendita, ma è stato comunque frustrante rendersi conto che questo errore è passato totalmente inosservato fino a quando qualcuno non mi ha contattato. Dopo tutto, quante volte si contatta il proprietario di un sito web se si nota un errore nel suo negozio? Praticamente mai.

Dove sono gli influencer?

Quando i due amici Marc e Noah hanno sentito parlare per la prima volta dell’influencer marketing, gli è sembrato un modo semplice ed efficace per var vedere i loro prodotti a più persone. Ma quando hanno iniziato a lavorare con gli influencer, si sono imbattuti in uno degli errori da evitare che ha rapidamente insegnato loro una dura lezione.

Abbiamo visto che molti dropshipper usavano gli influencer per shoutout o per pubblicizzare i loro prodotti, e siccome a quanto pare era un metodo che funzionava, abbiamo pensato: perché non provare anche noi?

Così abbiamo provato alcune collaborazioni con influencer in diverse nicchie, la maggior parte dei quali con circa 50.000 – 150.000 follower. Abbiamo pagato tra i 100 e i 300 euro a post, ma nessuno di loro ha funzionato. Per metterlo in prospettiva, il nostro Return on Ad Spend (ROAS) con gli influencer è stato generalmente intorno a 0,7 – 1,3, mentre con i nostri post sponsorizzati su Instagram e le nostre pubblicità su Facebook, abbiamo sempre avuto un ROAS che va da 1,5 a 2,7.

La nostra esperienza ha dimostrato che gli influencer possono non essere la scelta migliore per i dropshipper, a meno che non si abbia un marchio affermato e non si voglia crescere ulteriormente. Gli influencer sono molto più bravi a promuovere cose che già funzionano e non fanno altro che ampliare lo spettro delle possibilità di targeting. Ma bisogna essere pronti a spendere una grande somma, e ad avere più rischi rispetto alle inserzioni su Facebook.

Le vendite aumentano, il guadagno diminuisce?

storie di successo

Oggi, Yuliya e Mike sono i proprietari di un’azienda di ecommerce con guadagni a sette zeri. Ma come altre storie di imprenditori, all’inizio erano a un passo dall’abbandonare tutto e dall’affrontare una battaglia in salita per recuperare la redditività della loro attività. Ci raccontano quello che è successo.

Spesso ci si chiede come fare dropshipping. Il nostro più grande fallimento nel dropshipping è stato volare alla cieca per i primi sei mesi di attività e non sapere quanti soldi stavamo facendo. Stavamo solo calcolando approssimativamente i nostri profitti nella nostra mente, pensando di fare soldi, ma poi guardavamo i nostri conti bancari e pensavamo: “Dove sono i soldi?”.

Abbiamo speso così tanto in pubblicità che a un certo punto non potevamo permetterci di andare avanti. Ricordo che ci dicevamo: “Qualsiasi persona sana di mente smetterebbe subito”. Lavoravamo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Provavamo letteralmente le stesse cose più e più volte, e niente funzionava. Abbiamo iniziato a provare strategie diverse, e alla fine l’abbiamo fatto funzionare proprio quando eravamo arrivati con le spalle al muro.

Vorrei aver imparato questa lezione più in fretta, perché sono stati degli errori di dropshipping che hanno portato a un fallimento lento e doloroso. Ma una volta che abbiamo davvero capito tutto, siamo riusciti a scalare in modo massiccio e proficuo, che è la cosa più importante. Il profitto prima di tutto.

Storie di fallimenti e successi

errori da evitare

Tra gli errori da evitare commessi da Christoph Filgertshofer, un dropshipper adolescente, il principale è stato abbastanza recente da essere ancora doloroso. La sua storia mostra come a volte i più piccoli dettagli possono portare a grandi, grandi problemi. Diamo un’occhiata più da vicino.

Errori da evitare per avere successo? Il mio più grande errore è stato un paio di mesi fa. Avevo organizzato un’enorme campagna di marketing su Facebook per il rilancio di un prodotto. Avevo già testato il prodotto in precedenza, e sapevo che il prodotto e gli annunci pubblicitari avrebbero funzionato. Così, ho organizzato tutto e un sabato ho iniziato con un budget giornaliero di 1.000 euro.

Ero entusiasta di vedere le prime vendite in arrivo dopo l’approvazione degli annunci, ma non è successo nulla. Ho controllato il negozio per eventuali bug, ma non sono riuscito a trovarne. Ho dovuto disattivare gli annunci dopo 24 ore. Non avevo fatto nessuna vendita e avevo già sprecato 1.000 euro.

Il giorno dopo ho parlato con il mio team del rilancio fallito e abbiamo trovato il problema… Avevo usato un vecchio link per il prodotto che non era più attivo, il che significava che tutti i visitatori venivano indirizzati a un link che non funzionava.

Investire nella qualità, sempre

storie di fallimenti

Quando si inizia e non si ha un budget sufficiente per andare avanti, si può essere tentati di scegliere il prodotto più economico disponibile presso i fornitori. Ma, come ha imparato Marcelo, questo può ritorcersi contro di te.

Uno dei miei primi errori da evitare è stato quello di selezionare un fornitore la cui qualità non era molto buona, il che mi ha causato un sacco di lamentele e di ritorni. Ho rimborsato tutti i clienti che si sono lamentati, il che ha prosciugato gran parte del mio profitto, e in più non mi sentivo orgoglioso di quello che stavo vendendo.

La qualità dei prodotti del mio secondo fornitore era molto migliore di quella dei prodotti del primo. Mi sono reso conto che lo stesso prodotto venduto da due fornitori può avere una differenza di qualità enorme. Ho confrontato lo stesso articolo di entrambi i fornitori e c’era una chiara differenza tra i due articoli. Il mio consiglio è di essere sicuri di ottenere la migliore qualità ad un prezzo ragionevole. Ora, con il mio nuovo fornitore i rimborsi sono diminuiti, e mi sento orgoglioso di ciò che vendo.

Hai controllato l’indirizzo?

errori di dropshipping da evitare

A volte i più piccoli errori da evitare possono trasformarsi in grandi mal di testa. Dopo un piccolo errore durante il processo di ordinazione, la beauty dropshipper Sarah si è trovata in un problema che sembrava senza fine. Ecco la sua storia.

Quando vendevo parrucche, il fornitore che stavo usando non effettuava spedizione nel paese del mio cliente. Così, dopo un po’ di avanti e indietro, io e la cliente abbiamo concordato che avrei spedito l’articolo a me stessa, per poi spedirlo a lei. L’intero processo avrebbe richiesto 30 giorni.

Non sono sicuro di come ho fatto a non vederlo, ma invece di spedire il pacco a me stessa, l’ho inviato a un altro cliente che aveva già ordinato in precedenza. Il suo indirizzo era stato inserito automaticamente, e me ne sono accorta solo dopo che l’ordine era stato spedito. Ho provato a chiamare l’ufficio postale e ho inviato oltre cinque email a quel vecchio cliente spiegando la situazione e offrendo un codice di sconto se avessero potuto rispedire l’articolo. Ma non ho ricevuto alcuna risposta dopo due settimane di tentativi.

Così ho finito per dovermi scusare con il cliente che stava ancora aspettando, riordinare la parrucca, spedirla nuovamente a me stessa e poi pagare di più per farla arrivare al mio cliente con una spedizione più veloce.

La lezione è che bisogna verificare sempre di aver inserito le informazioni giuste prima di elaborare gli ordini.

Trasforma il problema di un cliente in un’opportunità

Quando Courtney White, la proprietaria del negozio di abbigliamento per bambini Finer and Dandy, ha iniziato, era così impegnata a costruire il suo sito web, a ricercare prodotti e a trovare fornitori, che non si è presa un attimo di tempo per pensare a come avrebbe gestito il servizio clienti. Poi, si è trovata faccia a faccia con uno degli errori da evitare nel business, che l’ha costretta a prendere una decisione che avrebbe avuto un impatto sul futuro della sua attività.

All’inizio, ho passato mesi a fare ricerche, a contattare i fornitori, a ordinare e a testare i prodotti e a cercare di essere attenta alla selezione degli articoli che avrei venduto. Dopo aver trovato un paio di fornitori affidabili, quello che ha iniziato ad essere un ottimo servizio e una consegna veloce è improvvisamente cambiato quando alcuni dei miei clienti hanno iniziato a contattarmi per i fermagli per ciucci che non erano arrivati.

Quando una delle mie clienti (Adrienne Jennings di @thejenningsgirls) ha iniziato a chiedermi dove fosse il suo fermaglio per ciuccio, il mio primo istinto è stato quello di eliminare il problema il più velocemente possibile, dandole un rimborso in modo da poter passare ad altro.

Quello è stato un momento cruciale per me, quando ho capito che il mio servizio clienti sarebbe stato l’identità centrale del mio negozio e che era l’aspetto principale che mi avrebbe dato un enorme vantaggio sulla concorrenza.

Piuttosto che sbarazzarmi del problema il più velocemente possibile, mi sono offerta di inviarle dei prodotti gratuiti e di rimborsarle il fermaglio del ciuccio (che alla fine è stato consegnato). Le sono piaciuti molto gli articoli che le ho inviato e mi ha chiesto di collaborare con lei per un giveaway su Instagram. La pagina di Adrienne su Instagram è una pagina influente nel mio mercato di riferimento, ovvero i bambini, e questa collaborazione mi ha dato una bella spinta in termini di seguaci e di interazione.

Quello che sarebbe potuto diventare un cliente arrabbiato è diventato il mio più appassionato sostenitore e Adrienne è ora il mio partner più fidato come stilista e creatore di contenuti digitali dietro il marchio e la pagina di Instagram.

Non mettere i miei clienti al primo posto è stato il più grande errore che ho fatto all’inizio, per fortuna il costo di quei rimborsi e dei prodotti gratuiti è stato di soli 63 dollari, ma la lezione appresa è stata impagabile.

Ho continuato ad adottare lo stesso approccio che ho usato con quel fermaglio per ciuccio ad ogni interazione con i clienti. Ora ho uno stile molto personalizzato di servizio al cliente che si concentra sulla creazione di connessioni significative, che si è evoluto fino a diventare l’intero nucleo dell’identità del marchio.

Sarà sempre grata per quella mancata consegna, quell’esperienza ha contribuito a elevare il mio marchio e il modo in cui gestisco la mia attività.

Costosi errori da evitare 

errori da evitare

Quando Mike Marino del nostro team di Social Care si è messo alla prova per verificare se poteva ottenere un profitto spendendo 10 dollari al giorno in pubblicità su Facebook, il suo esperimento ha portato ad uno degli errori da evitare più memorabili, che non aveva nulla a che fare con gli annunci, e molto a che fare con… i moltiplicatori di prezzo?! Ecco cosa è successo.

Quando un prodotto è esaurito su AliExpress, la loro piattaforma a volte fissa il prezzo del prodotto a zero prima di rifornire l’articolo sul loro sistema. È solo una delle stranezze di AliExpress.

Con le regole di prezzo globale, un prodotto che costa $3 costerebbe poi $9 nel tuo negozio. Ma, come ho imparato, se un prodotto è momentaneamente esaurito su AliExpress, questo può compromettere il moltiplicatore, azzerando il costo a $0. Dopotutto, $0 x 3 fa…0.

Questo è accaduto a me e ha causato un afflusso di ordini completamente gratuiti! Come evitare di far fallire un’azienda? Occhio a questi dettagli!

Per evitare che questo accada anche a te, quello che devi fare è impostare il tuo prezzo e poi selezionare “Non fare nulla” nelle impostazioni dell’aggiornamento automatico, altrimenti potresti finire con il regalare i prodotti.

Assicurati di venire (davvero) pagato per la tua prima vendita 

storie di successi e fallimenti

Quando si è ancora alla ricerca della prima vendita, spesso si è talmente concentrati che ci si dimentica di alcuni piccoli dettagli. Karolis Rimkus, dropshipper part-time, ci ha raccontato la storia della sua prima vendita.

Quando ho iniziato a gestire il mio negozio non ero sicuro di quali prodotti avrebbero funzionato. Così mi sono trovato a scorrere i forum dei corridori, leggendo le preoccupazioni della gente sulla loro situazione con pantaloncini orribili o terribili fasce per la testa e offrendo suggerimenti su cosa migliorare, facendo scivolare qua e là i miei prodotti. Alla fine ha funzionato. Ma ero un totale incapace, e loro pagavano tramite Shopify Payments, che non era disponibile nel mio paese. Così Shopify ha finito con il rimborsare loro l’intero importo in una settimana. Ma conta comunque come vendita, no?

Cosa ti dicono davvero i dati di Facebook?

errori da evitare

Dati. La parola ispira sia paura che gioia nei cuori dei dropshipper. Sapere cosa fare con i tuoi dati ti porterà su una strada inarrestabile verso il successo. Se fraintendi o interpreti male i tuoi dati, ti ritroverai rapidamente in una situazione difficile come quella in cui è finito il dropshipper Ryan Carroll.

Il mio più grande fallimento nel dropshipping è stato quello di aver speso un sacco di soldi su Facebook e non aver capito che stavo perdendo soldi ogni giorno. Semplicemente non guardavo i dati correttamente. Avevo speso probabilmente circa cinquemila dollari in tre mesi, pensando di guadagnare, ma non era così.

Il punto chiave a cui bisogna guardare in Facebook è il costo per ogni acquisto. Se il costo per acquisto supera di gran lunga l’importo per cui si vende il prodotto, è ovvio che si perde denaro. Quindi bisogna assicurarsi che il costo per acquisto sia inferiore all’importo indicato, compreso il costo della merce.

Sono errori comuni negli investimenti in pubblicità, dai quali bisogna tenersi alla larga!

Non provare a gestire da solo i livelli delle scorte

errori da evitare

Le vendite sono fantastiche. Su questo siamo d’accordo. Ma cosa succede se fai una vendita e non sei nemmeno sicuro di avere il prodotto in magazzino? È un errore da evitare nella vendita di qualunque prodotto. Questa è la dolorosa situazione in cui si è trovata Nohealani Cutting di Modern Rustic Home durante i primi giorni di gestione del suo negozio di dropshipping. Ecco cosa è successo.

Uno dei miei più grandi errori da evitare nel dropshipping è accaduto all’inizio del mio business, perché non avevo capito che avrei potuto trovare e sincronizzare l’inventario con app come Oberlo. Stavo gestendo manualmente tutto il mio inventario da diverse fonti e dovevo setacciare i loro inventari per vedere se qualcuno dei miei prodotti era esaurito.

A volte mi mancava un articolo e i clienti ordinavano qualcosa che non era più disponibile e dovevo annullare l’ordine. Non solo era imbarazzante, ma era una pessima figura per me e per il marchio, e probabilmente abbiamo perso diversi clienti che sarebbero potuti essere fedeli.

Ricordo di aver passato ore e ore a tarda notte a controllare regolarmente il sito web di ogni fornitore per verificare il corretto conteggio del loro inventario per aggiornare il mio… è stato estremamente stressante e richiedeva molto tempo. Una volta trovati servizi come Oberlo, ho risparmiato decine di ore al mese, evitando l’insoddisfazione dei clienti. Ora, posso usare il tempo che ho risparmiato per gestire il marketing e la crescita della nostra base clienti.

Assicurati che i fornitori possano scalare con te 

errori da evitare

Le cose andavano alla grande per Andreas e Alexander. Il loro business di prodotti per animali domestici stava decollando, con sempre più ordini ogni giorno. Sapevano di essere pronti a scalare, e hanno iniziato ad aumentare la loro spesa in pubblicità. Ma man mano che crescevano, le cose andavano per il verso sbagliato. Presto si ritrovarono nel bel mezzo di uno degli errori da evitare che non nessuno vorrebbe provare sulla propria pelle.

Era difficile trovare un fornitore che potesse gestire questa quantità di ordini al giorno. Con il primo fornitore del nostro prodotto vincente, abbiamo avuto molti problemi. Ha fatto un sacco di errori, e ha confuso centinaia di ordini. I clienti hanno ricevuto la taglia sbagliata, il colore sbagliato, la stampa personalizzata sbagliata. Tutto ciò che poteva andare storto si è verificato.

Questo accadeva due mesi e mezzo fa, quando siamo passati a un nuovo fornitore, e ancora oggi riceviamo email da clienti che ci dicono che il loro ordine era sbagliato.

In futuro non mi affiderei mai più a un fornitore per una quantità così alta. Ordinerei prima piccole quantità come 10-50 pezzi nell’arco di un mese. Se dovesse andare bene, inizierei a effettuare ordini più elevati.

Migliaia di clic dopo… 

errori da evitare nel dropshipping

Adam Greenspan è l’uomo che sta dietro a una centrale elettrica a sette cifre per il commercio elettronico, Wallplate Warehouse. I suoi prodotti potrebbero essere una scelta insolita per un dropshipper, ma il suo errore potrebbe essere commesso da chiunque.

Un produttore ha interrotto una particolare famiglia di prodotti, così li ho tolti dal mio negozio. Mesi dopo mi sono reso conto che stavo ancora pagando per gli annunci su Google per i prodotti fuori produzione. Migliaia di dollari dopo, avevo imparato una lezione costosa. Ora, prima di rimuovere qualsiasi cosa dal mio negozio, controllo tutti i miei annunci live.

Attenzione! Il capodanno cinese è alle porte

errori da evitare business

Nel gennaio 2019, le cose andavano molto bene per Rodney e Kory. Alla fine del mese avevano generato un incasso di 100.000 dollari. Hanno iniziato a prepararsi per un febbraio ancora più grande, ed è qui che si è verificato l’errore.

Non ci siamo resi conto che il Capodanno cinese era un periodo in cui i fornitori chiudevano tutti e che ci sarebbe stato un mese di ritardo nell’invio degli ordini. Eravamo alle Hawaii quando ce ne siamo resi conto ed è stato un bel colpo. A quel punto stavamo ricevendo 1000 ordini al giorno.

Eravamo sommersi dal tentativo di evadere gli ordini e di inviare email ai clienti ogni giorno per settimane. Abbiamo ancora gli incubi di tutte le pagine di email del tipo: “Perché il mio ordine non è ancora spedito?”.

Dopo di che ci siamo resi conto che ci doveva essere un modo migliore per farlo. Così abbiamo iniziato a spostarci verso articoli più elevati all’interno del settore e con un volume di vendite inferiore in termini di numero di ordini. Solo perché non riuscivamo a tenere il passo. È stato brutale.

Una cosa troppo bella in vacanza errori da evitare

Emma Reid è aperta sulle sue esperienze con gli errori da evitare. Infatti, dedica il suo Instagram a condividere tutte le parti della sua storia di dropshipping. I momenti buoni, brutti e imbarazzanti. Quando le ho chiesto di nominare il suo più grande errore, ne aveva subito uno in mente.

Il momento in cui mi sono presa una settimana di ferie e sono andata a Bali, senza dubbio. L’universo deve aver voluto darmi una lezione. Perché nel momento in cui sono atterrata, i miei annunci hanno cominciato a fare le bizze e le mie vendite sono salite ai massimi storici. Ero assolutamente impreparata. Questa era la mia prima scalata. Non avevo un assistente virtuale per rispondere alle email e Oberlo non aveva ancora la funzione del completamento automatico degli ordini. Così eccomi qui, seduta a bordo piscina, con una birra Bintang in mano, a cercare di disintegrare i pulsanti del mio portatile e di evadere tutti questi ordini. Ma non riuscivo: il wifi era terribile e il mio portatile era uno di quei mattoncini che sembravano usciti direttamente dagli anni ’90.

Guadagnare 8.000 dollari al giorno sembra fantastico fino a quando non ti rendi conto che il tuo sistema non è in grado di gestire queste entrate. Ero così sopraffatta che ho cancellato l’app Shopify per il resto del viaggio e ho fatto finta di non avere un’attività. Una volta tornata a casa, ho valutato i danni e ho passato cinque giorni in modalità pulizia. Evadere tutti quegli ordini uno per uno e rispondere a tutti i clienti mi ha fatto quasi impazzire.

Se potessi tornare indietro, mi direi di telefonare a un amico o magari di prendere in prestito un’assistente virtuale di qualcuno, o di pagare la mia famiglia per fare clic sui pulsanti. Diavolo, proverei anche ad addestrare il mio gatto – sarebbe facile, gli piace già toccare la tastiera. Tutto tranne che farlo io stessa. Idealmente, però, mi assicurerei che i sistemi appropriati siano a posto prima ancora di provare a scalare. Lezione imparata: delegare prima di accelerare.

Errori da evitare: conclusione

Tutte le storie di successo nascondono imprevisti ed errori da evitare. Ci sono tantissime storie di fallimenti da cui imparare, ma la cosa principale è tenere a mente che i fallimenti delle aziende non devono bloccarne l’attività. Bisogna trovare in fretta una soluzione a ogni problema, e andare avanti. 

Arrivato alla fine di questo elenco di errori da evitare, avrai solo voglia di tirare un sospiro di sollievo. È quasi come aver fatto una sessione di terapia di gruppo, vero?

È bello sapere che questi problemi non riguardano solo il tuo business, ma qualunque imprenditore. Tutti possono sbagliare. L’importante è imparare dai propri errori.

La verità è che, anche se la tua attività continua a crescere e ad avere successo, gli errori non smettono di verificarsi. Quello che cambia è il modo in cui li gestisci. Dopo tutto, impariamo tanto dai nostri errori quanto dai nostri successi.

Traduzione: Ludovica Marino

Ti potrebbero interessare anche:

Oberlo utilizza i cookie per fornire funzionalità necessarie del sito e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Utilizzando il nostro sito, accetti la nostra politica sulla privacy.