Come creare un sito web nel 2020: i 5 modi migliori

Thomas J Law Store

Lettura: 21 minuti commenti

Come creare un sito web? Cosa occorre per creare un sito web?

Quando ci sono migliaia di modi diversi per creare un sito web, come scegliere quello giusto?

Dovresti usare un creatore di siti web? Se sì, quale? Devi imparare a programmare? Dovresti pagare un web designer che crei un sito web per te? Non solo, devi anche pensare alle strategie di marketing da implementare per avviare un business di successo.

Se non stai attento, è molto probabile perdere tempo e denaro creando il tipo di sito web sbagliato.

Per fortuna, creare un sito web non deve essere complicato o costoso.

In questo articolo imparerai come creare un sito web professionale, e scoprirai cinque modi per creare un sito web perfetto per le tue esigenze. Inoltre, nessuno di questi metodi richiede competenze di programmazione o un budget enorme.

La prospettiva è allettante? Andiamo più a fondo!

Scopri migliaia di prodotti da vendere online. Carta di credito non necessaria, zero rischi.

Iscriviti ad Oberlo. È gratis.

Cosa serve per creare un sito web? I prerequisiti

Prima di iniziare a creare un proprio sito è necessario fare un passo indietro. Perché? Immagina di essere di una di quelle macchinine a retrocarica: solo tirando indietro l’automobilina avrai una spinta sufficiente per accelerare e percorrere la tua strada. 

Quindi, quali sono i prerequisiti per creare un sito web di successo? Vediamoli con ordine:

  • Avere una brand image ben definita. Con ciò intendiamo avere ben chiaro in mente come sarà fatto il proprio logo, quali saranno i colori prescelti nella tua palette distintiva e i font per titoli e testo. Questi dettagli ti aiuteranno a definire l’aspetto del tuo sito. Ricorda che la psicologia dei colori è fondamentale per avere il giusto impatto!
  • Fare un’analisi di mercato e dei competitor. Certi compiti richiedono una lunga fase di studio e la creazione di un sito web professionale non è da meno. Prima di progettare la mappa del sito, fai alcune ricerche, scopri cosa offrono i competitor principali nella tua nicchia di mercato e quali sono le best practice del tuo settore di appartenenza;
  • Conoscere il proprio pubblico target. Una comunicazione si compone di due parti: chi parla e chi ascolta. Ma se non conosciamo i nostri uditori, come pensiamo di poter comunicare in modo efficace? Ecco perché prima di costruire un sito web è bene conoscere il proprio pubblico target;
  • Elaborare il tone of voice. Quando si pensa a come strutturare un sito web, la prima cosa che ci viene in mente è il design. Allora iniziamo a pensare che le CTA le vogliamo viola, il menù lo vogliamo a tendina… ma nessuno pensa ai contenuti! Un bel contenitore non avrà valore se privo di contenuto: pensa allora al modo in cui vuoi comunicare, al tono di voce che desideri adottare. Solo così potrai scrivere i contenuti perfetti per il tuo sito. 

Come creare un sito web

I primi passi per creare un sito web di successo

Ora che abbiamo in mano tutte le chiavi del nostro marchio per creare un sito in linea con la brand image, prima di mettere mano a piattaforme e CMS dobbiamo dedicarci alla progettazione del portale. 

Creare la mappa del sito

La prima cosa a cui è necessario pensare è: quali pagine voglio inserire? Nella maggior parte dei siti abbiamo una sezione Chi siamo (conosciuta come About page in gergo internazionale); una pagina Servizi, talvolta troviamo Blog/Risorse e, infine, Contatti. Tuttavia, ogni business è diverso e le opzioni tra cui scegliere sono pressoché infinite. 

Per elaborare un’architettura complessa in cui mettere in relazione sezioni e pagine di cui abbiamo bisogno, si crea la cosiddetta Mappa del sito (qui sotto un esempio molto semplice). Ci sono davvero molti modi per tracciare l’alberatura di un sito: si va da carta e penna per i fan della cellulosa, fino ad arrivare a strumenti online (ad esempio draw.io) oppure programmi come Adobe Illustrator. 

template mappa del sito

Creare il mockup

Una volta che abbiamo in mano una mappa e conosciamo i percorsi di navigazione principali, passiamo alla fase di prototipazione. Si tratta di uno step necessario? No. Ci può rendere la vita molto più semplice una volta che mettiamo mano al codice? Risposta affermativa!

In parole povere si tratta di creare un’anteprima funzionante di quello che sarà il nostro sito, un mockup che ci anticipa a grandi linee quale sarà il risultato finale. 

Attualmente c’è un software che si sta facendo strada tra grafici e designer per la sua semplicità di utilizzo e per le numerose feature offerte: si tratta di Figma. Il software presenta tre piani (di cui uno gratis) e ha un canale youtube zeppo di tutorial per imparare ad utilizzare lo strumento. 

Con Figma è possibile creare delle versioni interattive del proprio sito prima del suo sviluppo definitivo. Chiaramente questo può esserci di supporto per individuare i punti di incastro che non funzionano all’interno dei percorsi di navigazione creati in fase di stesura della mappa del sito. 

Scegliere il nome del dominio

Dal momento che siamo immersi in questa fase di progettazione, vale la pena pensare al nome del dominio dal momento che si tratta di un processo lungo e complesso e non conviene lasciarselo alla fine. 

Qualche consiglio per scegliere il nome di dominio perfetto: 

  1. Fai una ricerca di parole chiave e cerca di inserire la keyword che descrive al meglio il tuo business. Un’idea di nome del dominio potrebbe essere www.NomeCognomeKeyword.it;
  2. Fai in modo che sia facilmente leggibile;
  3. Cerca di contenere il numero di caratteri: più il nome del dominio è lungo e più sarà difficile da ricordare
  4. Verifica che non sia già in utilizzo. Per farlo, esistono diversi tool online gratuiti come, ad esempio, InstantDomainSearch o Name.com.

Instant Domain SearchCurare gli aspetti legali del sito web

Un altro punto fondamentale per realizzare un sito web è sicuramente la parte legale. Internet è per tutti ma ci sono comunque alcune regole da seguire. 

Ricordati di inserire cookie e privacy policy soprattutto se hai intenzione di raccogliere i dati dei tuoi utenti per l’analisi o per la lead generation. La normativa a cui fare riferimento, ormai in vigore da anni, è il GDPR (General Data Protection Regulation).

Se sei un’ecommerce, ricordati di inserire Termini e condizioni di vendita in cui elencare tutte le modalità con cui viene erogato il servizio o con cui si svolgono le transazioni. 

Infine, ricordati di inserire nel footer i dati del tuo business come partita iva, contatti e ragione sociale.

Tutta questa parte legata agli aspetti legali è davvero importante. Rivolgersi ad uno studio specializzato in diritto del marketing è probabilmente la scelta migliore per essere a norma di legge.

Quanto costa un sito web? 

È forse una delle domande più richieste quando si parla di portali online: quanto costa un sito web? E come tutte le domande appartenenti al mondo del digital marketing la risposta è Dipende

Il primo fattore che influenza il prezzo è sicuramente il servizio di hosting. A seconda della nostra scelta le cifre possono variare da poche decine di euro a diverse centinaia di euro all’anno. 

Il secondo fattore è la grandezza del sito: più template o pagine diverse ci sono da sviluppare, maggiore sarà il numero di ore lavoro richiesto. E, si sa, più ore lavoro = prezzi più alti. 

Un altro fattore che dobbiamo considerare per rispondere alla domanda quanto costa un sito web è sicuramente la piattaforma. A seconda del servizio e del piano che sceglieremo, il totale finale potrà variare. 

Infine, un fattore che sicuramente fa alzare il prezzo è la creazione di funzionalità custom per il sito o di integrazioni ad hoc con altre piattaforme. 

Attenzione dunque a chi ti offre dei prezzi di realizzazione eccessivamente bassi, tutti i lavori hanno bisogno di tempo per essere realizzati con cura e dovizia di particolari.

È obbligatorio richiedere il supporto di un’agenzia per la realizzazione del proprio sito? No, soprattutto se si è agli inizi e si cercano soluzioni semplici da utilizzare, con costi contenuti ma che offrono un risultato professionale. 

A seconda delle esigenze, esistono diverse piattaforme che ti permettono di costruire un sito web gratis o a pagamento. Vediamo una carrellata delle più note e diffuse sul mercato italiano.

1. Come creare un sito web con Wix per la tua azienda

 

Perfetto per: freelancer, consulenti, piccole aziende e uso personale

Come creare un sito web

Wix è uno dei creatori di siti web più popolari online. 

Con più di 150 milioni di utenti in 190 paesi, il servizio è un successo tra coloro che vogliono una soluzione semplice e comprensiva per creare un sito web per qualunque scopo.

Anche il servizio è versatile, e Wix stesso afferma: “Che tu non abbia mai creato un sito web o sia un esperto di web design, abbiamo quello che fa per te. Per iniziare, ci sono due opzioni: usare Wix Artificial Design Intelligence o utilizzare l’Editor di Wix per avere la totale libertà di creare quello che vuoi. E puoi anche aggiungere al tuo sito funzionalità avanzate grazie al Corvid di Wix.”.

Ecco un esempio di un sito creato con Wix dall’illustratrice di tatuaggi Elebea:

WiX Elebea

Vantaggi di Wix

Wix è un creatore di siti web semplice da usare e basato su cloud.

Questo significa che non è necessario scaricare alcun software particolare o pagare un server esterno per l’hosting del tuo sito web, tutto viene fatto online direttamene sul tuo browser.

Il servizio fornisce gratuitamente più di 500 template creati da designer per farti capire come creare un sito web gratis professionale.

Una volta che avrai scelto un modello, potrai facilmente personalizzarlo in base alle tue esigenze utilizzando l’intuitivo editor con funzionalità di drag and drop di Wix.

Wix scegli template

Il servizio inoltre fornisce l’accesso a più di 250 applicazioni web che possono aiutarti a creare il tuo sito web.

Queste ti permettono di aggiungere ulteriori caratteristiche e funzionalità al tuo sito web come un forum, una galleria, strumenti per la gestione degli eventi, live chat, widget dei social media e molto altro ancora.

Il piano di partenza di Wix è completamente gratuito e i piani Unlimited e VIP hanno un prezzo davvero ragionevole rispetto ad altre opzioni.

Svantaggi di Wix

Rispetto ad altri creatori di siti web, Wix ha limitate funzionalità e opzioni di personalizzazione.

Per questo motivo, è probabile che le aziende in rapida crescita focalizzate sulla tecnologia digitale abbiano esigenze maggiori rispetto a quelle che Wix è in grado di soddisfare.

Il piano gratuito limita la larghezza di banda e lo spazio di archiviazione.

Questo non è un problema se si intende creare un sito web professionale con solo poche pagine. Tuttavia, se pensi di aggiungere un numero elevato di foto e video al tuo sito web, potresti esaurire lo spazio e dover passare a un piano a pagamento.

Inoltre, i piani di gratuiti aggiungono gli annunci di Wix al tuo sito web. Per rimuoverli, devi passare a uno dei piani a pagamento.

Un altro svantaggio è che una volta che si sceglie Wix per la creazione di un sito web, si è praticamente vincolati al servizio. Se si dovesse decidere di cambiare provider, si va incontro a un processo piuttosto complicato, e solitamente è necessario ricominciare da zero.

Quanto costa Wix?

Wix offre cinque diversi piani tra cui scegliere a seconda delle caratteristiche di cui hai bisogno:

  • Gratuito
  • Collega il tuo dominio: 4,50€/mese
  • Combo: 8,50€/mese
  • Illimitato: 12,50€/mese
  • VIP: 24,50€/mese

Scopri di più sui pacchetti premium di Wix qui.

2. Come creare un sito ecommerce con Shopify

Perfetto per: attività di ecommerce che vendono i loro prodotti o fanno dropshipping online.

Come creare un sito web con Shopify

Shopify è una piattaforma appositamente progettata per la creazione di ecommerce.

Il servizio è utilizzato da oltre 1.000.000 di negozi (anche one product store) e ha processato più di 82 miliardi di dollari di vendite.

Inoltre, alcuni dei più grandi brand del mondo utilizzano la piattaforma Shopify per vendere i loro prodotti, tra cui:

  • Wateraid
  • The New York Times
  • Penguin Books
  • Redbull
  • KKW Beauty
  • Nestle

Ecco un esempio di una pagina di ricerca dei prodotti di ClioMakeUp Shop:

Sito Ecommerce Shopify CliomakeUp

Vantaggi di Shopify

Shopify fornisce tutto ciò di cui un business nascente  potrebbe aver bisogno per aprire un negozio online e avere successo nel mondo dell’ecommerce.

Per iniziare, Shopify ti aiuta ad assicurarti un nome di dominio.

Inoltre, la dashboard di Shopify è estremamente intuitiva e capire come creare un sito web professionale è davvero semplice.

È anche possibile scegliere uno dei numerosi temi progettati professionalmente per personalizzare l’aspetto del tuo ecommerce.

Personalizzare le pagine dei prodotti, tenere traccia dell’inventario e gestire gli ordini è anche molto semplice grazie all’unico pannello di controllo. Potrai anche impostare i costi di spedizione per le diverse regioni e le diverse fasce di prezzo.

Shopify fornisce anche analisi dettagliate e report per aiutarti a ottimizzare la tua strategia aziendale e per migliorare il customer service del tuo ecommerce. Inoltre, ci sono anche tantissimi strumenti e risorse aggiuntive, come lo strumento per creare loghi

Creare un sito web professionale non è mai stato così semplice.

Shopify Dashboard

I canali di pagamento di Shopify ti permettono di accettare all’istante pagamenti con carta di credito, senza bisogno di avere conti bancari di terze parti.

Potrai anche utilizzare il sistema Shopify POS per accettare pagamenti con carta di persona.

C’è anche l’App Store di Shopify, la soluzione perfetta per creare un sito web e personalizzarlo con tutto il necessario.

Come WordPress, Shopify offre l’accesso a migliaia di applicazioni per ogni esigenza. Puoi usarle per raccogliere più recensioni di prodotti, aumentare le vendite e integrare il tuo negozio con i tuoi profili social.

App di Shopify

Inoltre, se sei alle prime armi con lo sviluppo del tuo ecommerce, puoi installare Oberlo.

Questa app – che in realtà è la nostra app – ti permette di scegliere dei prodotti e iniziare a spedirli in tutto il mondo.

Quando scegli di creare un sito web con Shopify non devi preoccuparti del codice e della programmazione, così puoi concentrarti sulla crescita del tuo business.

In più, grazie all’app Shopify, potrai gestire la tua attività dal tuo smartphone, ovunque tu sia.

Per concludere, man mano che il tuo business cresce, avrai sempre più aiuto, caratteristiche e funzionalità disponibili. E quando sarà il momento, potrai usufruire della soluzione di Shopify per le aziende, Shopify Plus.

Svantaggi di Shopify

La forza di Shopify risiede nella sua totale concentrazione nel fornire la migliore piattaforma per il commercio elettronico. Tuttavia, questa è anche la sua principale debolezza.

Shopify non è la scelta migliore se non stai pensando di creare un sito web professionale per un business.

In altre parole, se desideri capire come creare un sito web per il tuo portfolio, blog, o altre risorse non commerciali, potresti voler utilizzare una soluzione diversa.

Infine, il prezzo di partenza di Shopify non è così basso come altri creatori di siti web. D’altra parte, gli altri creatori di siti web non sono sempre progettati per farti guadagnare soldi.

Quanto costa Shopify?

Shopify offre un periodo di prova gratuito di 14 giorni, al termine dei quali è possibile scegliere tra i seguenti piani di abbonamento:

  • Periodo di prova gratuito di 14 giorni
  • Basic Shopify – 29$/mese
  • Shopify – 79$/mese
  • Advanced Shopify –299$/mese
  • Shopify Plus – Piani personalizzati disponibili

Scopri di più sui piani di abbonamento di Shopify qui.

3. Come creare un sito con WordPress

Perfetto per: Blogger professionisti e aziende di medie e grandi dimensioni che necessitano di controllo e flessibilità.

Creare un sito web con WordPress

WordPress è un gigante.

La flessibilità, la proprietà e il potenziale illimitato di WordPress hanno portato alla piattaforma fama, popolarità e una miriade di fan sfegatati.Infatti, secondo W3Techs, attualmente il servizio supporta il 32,9% di tutti i siti web su Internet! Un sacco di siti web!

Eppure, WordPress confonde un sacco di persone, perché ci sono in realtà due piattaforme diverse:

  • WordPress.org è un software open source gratuito che puoi scaricare sul tuo server e usare per personalizzare il tuo sito. 
  • WordPress.com è la versione online, non scaricabile, con la quale non è necessario avere un dominio o un piano di hosting. 

Entrambi i servizi sono stati creati da Automattic e sono praticamente gli stessi, a parte alcune differenze fondamentali.

Come Wix, WordPress.com è un servizio completo per creare un sito web e gestirne l’hosting. Ti basta effettuare il login, scegliere un piano, selezionare un tema, personalizzarlo, e sarai pronto per utilizzare il tuo sito!

Tuttavia, in questa sezione, parleremo di WordPress.org. Come accennato, WordPress.org è una piattaforma per creare un sito web gratuita e open source. Per questo motivo, è leggermente più complicato da configurare rispetto a soluzioni all-in-one come Wix e Shopify.

Ecco come funziona:

In primo luogo, è necessario recarsi da un fornitore di hosting come BlueHost o GoDaddy.

In sostanza, questi fornitori di hosting ti permettono di “affittare” uno spazio sui loro server per ospitare il tuo sito web. Ti aiuteranno anche ad assicurarti un nome di dominio.

Una volta che avrai il tuo hosting e il tuo nome di dominio, potrai installare WordPress e iniziare a personalizzare il tuo sito web. (La maggior parte dei provider di hosting ti aiuterà a installare WordPress in un paio di clic).

A questo punto, potrai accedere al tuo sito web e iniziare a personalizzarlo.

Come creare un blog con WordPress

Come accennato, WordPress è una piattaforma perfetta non solo per realizzare un sito web, ma anche per creare un blog professionale

Nella sua versione gratuita, WordPress permette di creare un sito o blog in pochi click su un sottodominio del tipo NomeBrand.wordpress.com. Chiaramente questo non può andare bene per chi cerca una soluzione per il suo business. 

Per ottenere un proprio dominio si può passare da WordPress o da servizi di hosting come Aruba: in quest’ultimo caso, in particolare, per poche decine di euro l’anno possiamo ottenere uno spazio hosting, l’accesso a WordPress con le sue funzionalità a pagamento e un nome di dominio. 

Hosting WordPress ArubaUna volta portati a termine questi passaggi, non ti resta che realizzare il tuo sito web aggiungendo pagine e, soprattutto, articoli.

Vantaggi di WordPress.org

Se vuoi mantenere il controllo completo su ogni aspetto del tuo sito web, devi auto-ospitarlo. A differenza dei servizi di creazione di siti web basati su cloud come Wix, il self-hosting di un sito offre totale libertà, controllo e flessibilità.

E se deciderai per il self-hosting del tuo sito, WordPress.org è la piattaforma che fa per te.

Inoltre, sarai libero di accedere, studiare, modificare e ridistribuire il codice open source di WordPress.

Non sei un programmatore? Non importa assolutamente!
Tutti quelli di noi che non hanno competenze di programmazione possono usare i miglioramenti, le aggiunte e i cambiamenti effettuati da altre persone, molti dei quali si presentano sotto forma di temi e plugin di WordPress predefiniti.

E ce ne sono migliaia.

Quindi, qualunque siano le caratteristiche che desideri aggiungere al tuo sito web, puoi star certo di trovare innumerevoli temi e plugin che faranno al caso tuo.

Plugin di WordPressInoltre, ci sono anche moltissimi designer e programmatori di terze parti che possono aiutarti a ottenere il massimo dal tuo sito web.

In sintesi, WordPress ti garantisce il completo controllo.

Svantaggi di WordPress.org

Lo svantaggio principale di WordPress.org può essere riassunto dallo zio Ben di Spiderman: “Da un grande potere, derivano grandi responsabilità”.

In questo scenario, sei responsabile della gestione dell’hosting e della manutenzione del tuo sito web. Questo include cose come aggiornamenti, sicurezza e backup.

Inoltre, il supporto è di tipo passivo.
Nonostante ci sia un thread del forum WordPress per ogni problema immaginabile, la responsabilità di risolvere il problema ricade su di te. In alternativa, puoi sempre pagare qualcun altro per risolverlo. In altre parole, non c’è uno staff di supporto dedicato ad aiutarti in maniera diretta.

Inoltre, c’è una curva di apprendimento abbastanza ripida quando si tratta di capire come ottenere il massimo da WordPress.

Quanto costa WordPress?

Il software WordPress è gratuito, così come molti temi e plugin.

Tuttavia, è necessario acquistare un nome di dominio e l’hosting del sito web, che in genere costano rispettivamente circa 15$all’anno e 8$ al mese.

Inoltre, è necessario tenere conto del prezzo dei temi e dei plugin di WordPress Premium.

Per darti un’idea di quanto potrebbero costare, molti temi premium hanno un costo di circa 40$ l’uno. Un tema WordPress personalizzato con funzioni aggiuntive o plugin può variare da 1.500$ a 10.000$.

4. Creare un sito one page per il personal branding con About.Me

Perfetto per: professionisti alla ricerca di un sito one page semplice per esporre il loro brand personale

Create a Website about.me

About.me è un creatore di siti one page basato su cloud.

È semplice, minimale e progettato per i professionisti che desiderano creare un sito web professionale per mostrare il proprio brand personale.
Ecco un esempio di un profilo creato con About.me:

About.me

Vantaggi di About.me

Non potrebbe essere più semplice di così.

Creare un sito web con About.me è come creare un profilo sui social media. Contiene solo gli elementi necessari, tra cui:

  • Nome
  • Immagine
  • Breve descrizione
  • Breve biografia
  • Professione
  • Formazione
  • Link ai social media
  • Un unico pulsante
  • Modulo di contatto

Puoi aggiungere recensioni, video o un portfolio per mostrare il tuo lavoro. Inoltre, puoi permettere alle persone di visualizzare il tuo calendario e prenotare un appuntamento.

E questo è tutto!

Immagina la tua pagina di About.me come un biglietto da visita digitale. Il servizio fornisce anche un’ingegnosa firma per le email che puoi utilizzare per indirizzare le persone alla tua pagina.

Tutto sommato, About.me è una soluzione elegante, veloce e facile per il personal branding.

Svantaggi di About.me

Probabilmente avrai già intuito che le caratteristiche e le funzionalità di About.me sono estremamente limitate.

Infatti, ci sono solo tre layout per la pagina:

about.me Website Layouts

Quindi, se stai cercando di creare un capolavoro visivo che esprima la tua personalità ed essenza unica, potresti voler guardare altrove.

Inoltre, questi profili non sono esattamente impostati per stimolare la crescita del business. Ad esempio, non c’è modo di ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e il layout della pagina non è focalizzato sulla conversione dei visitatori in potenziali clienti.

Quanto costa About.me?

About.me offre profili gratuiti, ed è quindi adatto per creare un sito web gratis.

Tuttavia, questi profili scarseggiano di funzionalità, promuovono il brand About.me nella parte superiore e inferiore della pagina e non consentono di collegare il proprio nome di dominio. Non è quindi la scelta migliore per creare un sito web con dominio proprio.

Per accedere a tutte le funzioni, rimuovere il marchio About.me e collegare il tuo nome di dominio personalizzato, è necessario effettuare l’aggiornamento a About.me Pro, che costa 6,58$ al mese se fatturato annualmente, o 8$ al mese se fatturato mensilmente.

Puoi vedere i dettagli dei prezzi di About.me qui.

5. Come creare un sito web per il funnel marketing con ClickFunnels

Perfetto per: creare funnel di vendite digitali ad alta conversione.

Create a Website ClickFunnels

ClickFunnels non è propriamente una piattaforma per creare un sito web, ma per progettare un funnel di vendita. 

Ad ogni modo, molti utilizzano questa piattaforma per creare un sito web e un funnel di vendita al tempo stesso.

Cos’è un funnel di vendita?

In breve, un funnel di vendita è il processo di conversione di uno sconosciuto in cliente. Il grafico che segue mostra le quattro fasi chiave che una persona deve attraversare per diventare cliente, spesso chiamato AIDA.

ClickFunnels è uno strumento per creare un sito web focalizzato sulla generazione di prospect e sulla loro conversione in clienti.

Per questo motivo, qualunque azienda potrebbe trovare una piattaforma come ClickFunnels estremamente utile.

Tuttavia, è un prodotto particolarmente adatto alle aziende che vendono prodotti informativi come ebook, video tutorial, corsi online, ecc.

Questo tipo di business non ha bisogno di preoccuparsi di produzione, inventario, spedizione, ecc. Di conseguenza, possono scalare a tempo indeterminato con un semplice funnel di vendita online ad alta conversione.

Ecco perché coach e autori di successo come Tony Robbins hanno usato ClickFunnels per vendere i loro corsi online, audio corsi di formazione e libri.

Ecco un esempio di una landing page di ClickFunnels che promuove un libro scritto da Russell Brunson, il fondatore di Clickfunnels:

Create a Website ClickFunnels

Vantaggi di ClickFunnels

ClickFunnels fornisce tonnellate di modelli di funnel di vendita pronti per aiutarti a creare un sito web.

Questi modelli si basano su strategie e tattiche di vendita già collaudate. In questo modo, grazie al loro intuitivo editor di pagine web con funzionamento drag and drop, avrai in un attimo un funnel ad alta conversione pronto per essere utilizzato!

ClickFunnels Templates

Questo è un vantaggio enorme.

Creare un funnel di vendita partendo da zero sul proprio sito web richiederebbe molto più tempo.

Questi modelli sono inoltre estremamente flessibili. Puoi personalizzare praticamente ogni aspetto.

Il servizio include anche strumenti essenziali per il digital marketing, come l’automazione della posta elettronica, test A/B e operazioni di upselling con un solo clic.

La parte migliore? Tutti questi strumenti di marketing sono combinati in un unico servizio.

ClickFunnels ti permette anche di aggiungere aree membri al tuo sito web, che sono perfette per fornire l’accesso ai tuoi corsi online.

Inoltre, se dovessi avere problemi nel creare un sito web con ClickFunnels, il servizio fornisce tutorial e corsi per aiutarti.

Quanto costa ClickFunnels?

Il principale svantaggio del creare un sito web con ClickFunnels è il prezzo.

Il loro piano di partenza ha un costo di 97$ al mese, quindi questa piattaforma è senza dubbio un modo abbastanza costoso per creare un sito web, soprattutto se sei all’inizio della tua attività. Detto questo, se hai un fantastico prodotto digitale pronto per la vendita, non è necessario pensarci.

Un altro svantaggio è che praticano quello che predicano, ma forse un po’ troppo.

Cercano sempre di vendere qualcosa in più o di aggiungere delle vendite incrociate e, se non stai attento, queste aggiunte aumenteranno il costo del servizio in modo significativo.

Inoltre, se sei alle prime armi con il digital marketing, la curva di apprendimento è piuttosto ripida.

ClickFunnels include molte parti mobili. Con così tante cose da imparare in una sola volta, è necessario dedicare del tempo per imparare a utilizzare il servizio, e può sembrare eccessivo e travolgente.

Prezzi di ClickFunnels:

ClickFunnels offre un periodo di prova gratuito di 14 giorni. Il loro piano iniziale ha un costo di 97$ al mese, ma ha dei limiti per quanto riguarda il numero di visitatori del sito web, i funnel e pagine web che si possono avere.

Detto questo, se stai superando questi limiti, dovresti guadagnare più del necessario per investire tranquillamente nel loro piano Eitson Suite, che ha un costo di 297 dollari al mese per l’uso illimitato di ClickFunnels.

Analisi del sito: cosa fare una volta completato il progetto?

E quando pensi che sia finita, è proprio allora che incomincia la salita! Che fantastica storia è il web design: quando sei convinto di essere arrivato al termine della maratona, guardi avanti e scopri che c’è una bella salita da fare. 

Il fatto è che non possiamo realizzare un sito web per poi lasciarlo lì e sperare che – non si sa bene come – si posizioni sui motori di ricerca e porti clienti al nostro business. 

La fase successiva alla creazione del nostro sito o blog è, dunque, l’analisi. 

Cosa si intende con analisi del sito? Quali sono le best practice e gli strumenti a cui non si può rinunciare? 

Rispondere alla prima domanda è piuttosto semplice: l’analisi del sito comprende tutta una serie di attività che servono per scoprire e studiare i dati relativi al nostro andamento. 

Page views, bounce rate, posizionamento… sono tutte statistiche da prendere in considerazione se vogliamo essere certi che la nostra ottimizzazione SEO stia facendo il giusto effetto!

Quando si parla di analisi del sito il consiglio è: non essere ossessionato dai numeri. I tempi della SEO possono essere davvero lunghi soprattutto se si è agli inizi. 

Controllare i dati ogni giorno non ti aiuterà a migliorare il posizionamento, in compenso accrescerà la tua ansia e ti farà perdere molto tempo. Per i primi mesi, cerca di fissare un check ogni tre/quattro settimane: ti aiuterà ad avere un quadro complessivo più ampio e realistico. 

Google Analytics Analisi del sito

Il secondo consiglio è: concentrati sulle metriche di tuo interesse. Stai cercando lead? Controlla il tasso di conversione. Vuoi ingrandire la tua platea di ascoltatori? Verifica il numero di utenti totali e nuovi. 

Passiamo agli strumenti per l’analisi del sito. Potremmo stare ore a disquisire sulle centinaia di migliaia di tool presenti online (dall’italianissimo SeoZoom agli internazionali SemRush e Ahrefs) ma per, iniziare, affidiamoci a Google. 

Quali sono i nostri mai più senza? Iniziamo con Google Analytics e Google Search Console: due strumenti potentissimi e completamente gratuiti, integrabili tra loro, che possono fornirci dati sulle keyword su cui siamo posizionati e sulle statistiche del sito tra cui: 

  • numero di click, 
  • bounce rate, 
  • utenti nuovi e di ritorno, 
  • conversioni, 
  • page view, 
  • fonti di traffico, 
  • tipologie di device da cui si visita il sito…

Dall’entrata dei Core Web Vitals tra i fattori di posizionamento, è bene sempre monitorare le performance del sito anche dal punto di vista del caricamento: quindi aggiungiamo a questa lista Google Lighthouse.

A differenza dei primi due strumenti – per i quali è necessario l’inserimento di tracking code – Google Lighthouse è accessibile da qualsiasi sito. Basta fare click destro sulla pagina, selezionare Ispeziona e dal pannello cliccare su Lighthouse

Analisi del sito: Google LighthouseDa qui, è necessario generare il report e analizzare i risultati per vedere le possibili aree di miglioramento del proprio sito. Non importa da quanto tempo è online e quanta manutenzione fai: c’è sempre spazio per delle modifiche!

Come creare un sito web: conclusione

Ci sono innumerevoli modi per creare un sito web e alcuni sono migliori di altri, in base alle esigenze di ogni imprenditore.

In sintesi, ecco cinque modi diversi per creare un sito web e l’uso consigliato per ognuno di essi:

  • Wix: perfetto per freelance, consulenti, piccole aziende o per uso personale;
  • Shopify: perfetto per le attività di ecommerce o di dropshipping;
  • WordPress: ideale per blogger professionisti o grandi siti aziendali.
  • About.me: adatto ai professionisti che hanno bisogno di un semplice sito web di una
    sola pagina per esporre il loro brand personale.
  • ClickFunnels: perfetto per la creazione di funnel di vendita digitale ad alta conversione.

Questi servizi sono la prova che creare un sito web non deve essere difficile, costoso o richiedere molto tempo.

Quindi, come creare un sito web? Facci sapere nei commenti qui sotto quale strumento hai scelto di utilizzare!

 

Traduzione: Ludovica Marino

Ti potrebbero interessare anche:

Thomas J Law
Thomas J Law
Thomas is a B2B content writer specializing in SaaS, ecommerce, and digital marketing. To learn more about how Thomas can help you achieve your goals, visit his website at tomjlaw.com.